Seguici su

Cerca nel sito

Santori: “Finanziamenti a Zingaretti da Coop. Vogliamo tutta la verità”

Il Consigliere: "Vogliamo risposte immediate sull'appalto di quasi 80 milioni ottenuto dalla Coop Cpl Concordia"

Più informazioni su

Il Faro on line – “La bomba è scoppiata e ora pretendiamo tutta la verità. Non rimangano lettera morta né passino inosservate le denunce di questi giorni che hanno tirato in ballo in prima persona esimie personalità del centrosinistra italiano tra cui il sempre intoccabile Presidente del Lazio, Nicola Zingaretti, la cui lista civica ricevette 10mila euro ai tempi della campagna elettorale del 2013 e 6mila euro sono stati donati al Pd Comitato Provvisorio Roma dalla coop rossa Cpl Concordia, oggi sotto inchiesta per lo scandalo degli appalti a Ischia”. Lo dichiara il consigliere regionale del Lazio Fabrizio Santori che annuncia la presentazione di un’interrogazione urgente.

“Dopo l’arresto del sindaco di Ischia, Giosi Ferrandino, per presunte tangenti legate alla metanizzazione, la lista dei dem amici stretti e complici di realtà losche e dedite all’illegalità da anni, s’infoltisce e credo sia arrivato il momento di scavare ancora più a fondo per individuare ulteriori responsabilità al riguardo. Dal Presidente Zingaretti vogliamo risposte immediate sul maxi appalto di quasi 80 milioni di euro ottenuto dalla Cpl Concordia per la gestione dell’efficientamento energetico del patrimonio immobiliare dell’Ater Roma.

Vogliamo la verità sull’opportunità data dal fatto che a seguito dei finanziamenti elettorali ricevuti dalla sua lista civica, la coop rossa abbia vinto il maxiappalto e successivamente ha siglato l’accordo con il direttore generale Ater Roma, Claudio Rosi, per l’installazione e la messa in funzione di quasi centomila contatori entro il 2015.

Certi che gli inquirenti porteranno avanti il proprio lavoro senza tralasciare alcun dettaglio, mi auguro che il Presidente Zingaretti fornisca delle spiegazioni ai cittadini di quanto sta accadendo e che coinvolge un centrosinistra molto diverso da quell’oasi d’onestà che per anni ci hanno rifilato” conclude Santori.

Più informazioni su