Seguici su

Cerca nel sito

Alla Liguria, il Trofeo delle Regioni 2015

Al Polo Natatorio di Ostia Lido, si è conclusa oggi, la quindicesima edizione dello storico torneo giovanile di pallanuoto femminile

Più informazioni su

Il Faro on line – E’ stata la Liguria a vincere il Trofeo delle Regioni, edizione 2015. Le atlete under 17, allenate da Andrea Roccarino, hanno superato in finale le Marche, dopo un incontro dominato, dall’inizio, alla fine.
Già, dal secondo quarto della gara, le giocatrici liguri hanno avuto un passo in più, rispetto alle loro pari età delle Marche, che tuttavia, possono vantare un buon secondo posto ed un torneo disputato ad altissimo livello. Le giovani vincitrici hanno aperto in vantaggio, anche il terzo periodo, terminando questo quarto, per 9 a 5.

Hanno chiuso poi la partita, tra l’entusiasmo generale, superando le loro avversarie, per 14 a 8. La marcia verso questa finale pre – pasquale, è stata di assoluto prestigio. Infatti, hanno raggiunto il primo gradino del podio, con un bottino di 66 gol realizzati, contro i 29 subiti.

Prima di loro, scese in acqua all’ora di pranzo, nella piscina interna del Centro Federale ostiense, si è anche disputata la finalina per il terzo e quarto posto. La Campania si è aggiudicata la medaglia di bronzo, superando il Lazio per 11 a 7 e mantenendo un buon vantaggio sul tabellone, per tutta la durata della gara.
Tuttavia, oggi non hanno festeggiato solamente le squadre che sono salite sul podio classico, del primo, secondo e terzo posto, ma lo hanno fatto anche tutte le altre, in armonia con i valori dello sport. Tutte le 12 regioni partecipanti sono state celebrate e festeggiate. Tra di loro, l’Abruzzo ha ottenuto il settimo posto, battendo la Calabria per un solo gol di scarto e con il punteggio finale di 11 a 10.

La Sicilia, che vinse il primo torneo inaugurante questo Trofeo, ormai consueto nel calendario federale, ha vinto con la Toscana, per 7 a 6. Anch’essa, è stata una bella partita, vissuta fino alla fine, dalle due squadre giovanili. Al nono posto, si è classificata la Lombardia, di seguito, al decimo, lo ha fatto il Friuli Venezia Giulia, come il Veneto per l’undicesimo e l’Emilia Romagna per il dodicesimo posto. Il miglior attacco realizzatore è stato quello del Lazio, che ha totalizzato ben 71 gol, mentre la miglior difesa è stata quella della Lombardia, che ha subito solamente 16 gol. 

In totale, sono state 167 le atlete partecipanti e tutte insieme hanno vissuto, questa settimana dedicata alla pallanuoto femminile giovanile, al Centro Federale Fin di Ostia Lido : “La Federazione ha allestito un campo di primo ordine. Tutte le partecipanti hanno potuto vivere insieme questa esperienza”. In questo modo, Fabio Conti, ct del Setterosa, spiega a fine manifestazione. Ai piedi del podio, l’allenatore della Nazionale A femminile, racconta anche, come sia stato importante incontrare, tutti i tecnici delle regioni coinvolte : “Dal punto di vista tecnico, c’è stata anche la possibilità di avere un confronto con tutti gli allenatori delle squadre partecipanti”.

Avere a disposizione, un bacino sportivo giovanile del genere, è fondamentale per la crescita del vivaio : “Nel giro di 4 anni, queste atlete saranno presenti al top level. Stiamo già aprendo le porte, ad alcune di loro. Domitilla Picozzi del Lazio, ha già esordito in World League, contro la Francia. E’ uno stimolo per tutto il movimento”. 
Le premiazioni finali sono state effettuate, dal Presidente della Federazione Italiana Nuoto, Paolo Barelli, che ha consegnato il Trofeo alle prime classificate, dallo stesso tecnico del Setterosa, Fabio Conti, dall’allenatore federale, responsabile delle squadre giovanili nazionali, Paolo Zizza, dai presidenti dei comitati regionali, sia della Sicilia, Sergio Parisi, che del Lazio, Gianpiero Mauretti ed anche dal consigliere federale dell’area pallanuoto, Nello Russo.
Tutti insieme hanno consegnato le medaglie alle ragazze partecipanti, che hanno sfilato a bordo vasca, ricevendo gli applausi dei 500 spettatori presenti sugli spalti e consegnando loro, anche le targhe, per le posizioni rispettive raggiunte in classifica.

Alessandra Giorgi

Più informazioni su