Seguici su

Cerca nel sito

Anche il consigliere Eufemi, ex sindaco di Ardea, sfiducia Chiavetta

Eufemi: "Per ridare la parola ai cittadini, non ho esitato a sacrificare la poltrona di consigliere dell’area metropolitana”

Più informazioni su

Il Faro on line – Simone Centore segretario della sezione de La Destra di Ardea, esulta per il coraggio, la determinazione e l’attaccamento ai cittadini di Nettuno dimostrata dall’ex sindaco di Ardea Carlo Eufemi. Una determinazione ed un coraggio come quello di perdere la carica di consigliere comunale in Nettuno ma soprattutto di quella della prestigiosa dell’area metropolitana (Eufemi dovrà essere rieletto consigliere per rientrare nell’area metropolitana). Sentito telefonicamente Carlo Eufemi ha detto: “Come sindaco Chiavetta lo avevo scritto a matita, averlo mandato a casa è stato un atto dovuto per riportare a Nettuno democrazia e buona amministrazione dando al popolo sovrano di nuovo la parola, per farlo non ho esitato a sacrificare la poltrona che avevo come consigliere dell’area metropolitana”.

E proprio per quanto fatto da Eufemi per Nettuno, che il segretario de La Destra di Ardea invita i consiglieri di Ardea a seguire il suo esempio: “Questa mattina a Nettuno, sono state consegnate in segreteria le firme di dimissioni di 16 Consiglieri Comunali che hanno così sfiduciato il Sindaco Alessio Chiavetta. La sedicesima firma scrive Centore, è stata quella di Carlo Eufemi, che ha ripagato per la cattiva gestione di Nettuno il suo antagonista Chiavetta, apponendo la sua sedicesima  firma a chiusura della lettera di dimissioni servita a far decadere Alessio Chiavetta.

Eufemi fin dall’inizio della legislatura 2013, è stato la assidua ed instancabile, spina nel fianco del sindaco di centrosinistra in quota Pd Alessio Chiavetta. Eufemi fin dal suo insediamento prosegue il segretario de La Destra rutula,  ha contrastato il detroneggiato Chiavetta, più volte accusato di essere incapace di fare buona amministrazione in  un comune come Nettuno. Tra le tante contestazioni mosse a Chiavetta da parte di Eufemi quella sul parcheggio, un’opera costata svariate centinaia di milioni e che ancora non è arrivata a terme e forse mai ci arriverà.

L’ex sindaco di Ardea, firmando la sfiducia all’amministrazione di centrosinistra guidata da Chiavetta,  ha sacrificato i suoi interessi in favore di quelli dei cittadini di Nettuno. Eufemi ex sindaco di Ardea eletto per ben due volte, ed autore della vittoria che ha portato a sindaco il disastroso Luca Di Fiori.  Ancora una volta l’altruismo di Eufemi è valso a salvare dalla cattiva politica di Chiavetta un paese come Nettuno.

La Destra, invita i consiglieri di Ardea a prendere esempio da  Carlo Eufemi, raccogliendo le firme per  sciogliere  l’attuale amministrazione   salvando Ardea dal sindaco Di Fiori ridando democraticamente la parola al popolo sovrano e la speranza di risorgere economicamente e politicamente. Il segretario de La Destra Centore, si rivolge direttamente al consigliere Massimiliano Giordani che come Carlo Eufemi è consigliere per “l’area metropolitana” che pur di liberare la sua Nettuno, ha per il momento rinunciato alla comoda e prestigiosa poltrona di consigliere dell’area metropolitana.    

Un esempio quello di Eufemi – conclude Simone Centore – che dovrebbe essere fatto proprio da Massimiliano Giordani e da tutti i consiglieri di Ardea, quelli  che ancora mantengono in essere un sindaco abbandonato anche dalla sua maggioranza, una maggioranza che spesso e volentieri lo manda sotto nelle votazioni, fa mancare il numero, permettendo all’opposizione di fare e disfare.
Un sindaco, Di Fiori, che in poco più di due anni, ha dovuto cambiare una giunta ogni sei mesi e ancora oggi non è riuscito a ricucire la crisi politica che è in essere da un anno a questa parte, una crisi che non permette di eleggere dopo sette mesi un presidente del consiglio lasciando la seconda carica del comune di Ardea in mano all’opposizione”.   

L.C.

Più informazioni su