Seguici su

Cerca nel sito

Collisione tra il peschereccio S.Erasmo e la motocisterna Vetor, indagini in corso

Nell'incidente perse la vita un membro dell'equipaggio del peschereccio

Più informazioni su

IlFaro on line – Proseguono su delega della Procura della Repubblica di Cassino le indagini della Guardia Costiera di Gaeta e Formia per accertare la dinamica e le responsabilità dell’incidente in mare che causò la morte di un membro dell’equipaggio del motopeschereccio S. Erasmo. Questa mattina la dottoressa Chiara Orefice, Pubblico Ministero che coordina le indagini sul sinistro marittimo, è giunta a Formia per un sopralluogo della zona di mare in cui lo scorso 30 marzo vi fu la collisione tra il motopeschereccio S. Erasmo e la motocisterna Vetor quinto, causando l’affondamento dell’unità da pesca e la morte del marinaio Giovanni Centola. Nella circostanza il danno all’ambiente marino, invece, fu scongiurato dall’impiego del rimorchiatore Bino, specializzato in attività antinquinamento, dislocato nel porto di  Gaeta dal Ministero dell’Ambiente. 

Avvalendosi dell’aereo Atr-42 della Guardia Costiera che sorvolò la zona per un immediato monitoraggio e telerilevamento. È durata oltre tre ore la visita che il Pubblico Ministero Orefice ha compiuto a bordo della motovedetta della Guardia Costiera, la stessa che intervenne per prima sul luogo dell’incidente, per cogliere quegli ulteriori elementi d’indagine che serviranno per ricostruire i fatti di quella tragica giornata. Nei prossimi giorni giungerà anche il Nucleo Sommozzatori della Guardia Costiera di Napoli che effettuerà una ispezione al peschereccio affondato alla ricerca di tracce utili per ricostruire le cause della collisione, avvenuta poco a largo del litorale di Formia. Il risultato dell’esame autoptico del marinaio deceduto sarà, invece, nelle prossime settimane a disposizione degli investigatori. 

Più informazioni su