Seguici su

Cerca nel sito

Psi, condanna il comportamento del consigliere Tantari

La consigliera Capraro (Psi): "L'attuale amministrazione impone assenza di regole. Inoltre non si vede un'opposizione che sia degna di questo nome"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Sono passati cinque giorni dal fatidico consiglio comunale e in assoluta lucidità e consapevolezza, dopo tanto rumore, l’unico dato che ritengo “degno di essere ricordato” è questo: grazie al Consigliere Tantari abbiamo perso l’occasione, forse l’unica vera occasione da quando si è insediata l’amministrazione Di Fiori, di porre fine a questo teatrino e di mettere un punto allo stato di degrado e di inciviltà in cui versa oggi il nostro paese” – quanto dichiara in una nota Cristina Capraro, Consigliera Psi del Comune di Ardea, a margine della seduta di Consiglio tenutasi lunedì 13 aprile. “A mio avviso non ci sono giustificazioni a tale comportamento: nel rispetto di tutti i cittadini di Ardea, l’opposizione ha il sacrosanto dovere di utilizzare tutti i suoi mezzi a disposizione per mandare a casa un’Amministrazione inetta, incapace e deplorevole”.

“Pertanto quanto accaduto nell’ultimo consiglio è di una gravità inaudita – informa la consigliera Capraro – Il rientro in Aula del consigliere Tantari per mantenere il numero legale necessario all’elezione del Presidente del Consiglio, ha contribuito in maniera decisiva al perpetrarsi della peggiore esperienza amministrativa che si sia mai vista ad Ardea”.

“Come sempre affermato, ritengo – conclude la Capraro – la maggioranza Di Fiori la principale responsabile dello stato di degrado in cui versa questo territorio. Da oggi, il Consigliere Tantari e chi eventualmente può averlo indotto a questo, non li ritengo migliori”.

Più informazioni su