Seguici su

Cerca nel sito

Asl RmF, Il carcere si apre alla formazione sanitaria in ambito psicologico

L'assistenza psichiatrica nella medicina penitenziaria: criticità cliniche e modelli di intervento per una gestione istituzionale integrata

Più informazioni su

Il Faro on line – “L’assistenza psichiatrica nella medicina penitenziaria: criticità cliniche e modelli di intervento per una gestione istituzionale integrata”, questo il titolo del Corso di Formazione organizzato per lunedì prossimo 20 aprile dalla Asl RmF proprio all’interno del Carcere di Via Aurelia nord a Civitavecchia. All’incontro, che vede come responsabili scientifici il Direttore Generale dott. Giuseppe Quintavalle e la d.ssa Carola Celozzi del Dipartimento di Salute Mentale della Asl RmF, interverranno la d.ssa Flori De Grassi per la Regione Lazio, il dott. Angiolo Marroni, Garante dei Detenuti del Lazio, la d.ssa Patrizia Bravetti Direttrice dei Penitenziari di Civitavecchia, e la d.ssa Maria Claudia Di Paolo Provveditore per le Carceri del Lazio del Ministero della Giustizia, oltre a numerose autorità scientifiche ed istituzionali.

Il corso è stato organizzato per le seguenti discipline e figure professionali: Assistente Sanitario, Psicologo, Medico Chirurgo, Psichiatra, Infermiere e Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica. L’obiettivo dell’incontro è rafforzare la partnership Azienda/Istituzioni/Regione nell’ottica di una progettualità rivolta agli istituti penitenziari di grande interesse come tematica a livello di Regione Lazio.La Asl RM/F è infatti divenuta la Capofila responsabile per le progettualità e la gestione dell’assistenza sanitaria e psichiatrica  di tutti gli istituti penitenziari della Regione Lazio.

Il Garante dei detenuti della Regione Lazio, l’Ordine degli psicologi del Lazio e il Provveditorato regionale dell’Amministrazione penitenziaria del Lazio hanno infatti recentemente annunciato la firma di un Protocollo d’intesa per riconoscere e garantire il Diritto alla Salute alle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, nonché il loro diritto ad usufruire di una presa in carico di assistenza psicologica.

Gli obiettivi dell’accordo sono incentrati, in particolare, sulla salvaguardia del diritto del detenuto a poter fruire dell’intervento dello psicologo e sul riconoscimento dell’importanza di tale professionalità nella tutela della Salute negli istituti di pena della nostra regione.
Il Protocollo, che resterà in vigore sino al marzo 2018, ha dunque lo scopo di garantire ambiente idoneo allo svolgimento del lavoro di competenza del professionista psicologo, tale da assicurare la messa in opera di azioni di sostegno, attività trattamentali e interventi terapeutici; far collaborare i tre enti, nell’ambito delle rispettive competenze ed autonomie, al fine di riconoscere e garantire il Diritto alla salute alle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.

Più informazioni su