Seguici su

Cerca nel sito

Incontro con l’archeologa Marisa De Spagnolis

De Spagnolis ha appena terminato di scrivere "Con il vesuvio sotto i piedi" 

Più informazioni su

Il Faro on line – “Con il Vesuvio sotto i piedi” ultima fatica letteraria dell’archeologa itrana Marisa De Spagnolis che racconta la storia di una avventura unica, quasi magica, vissuta da una donna-archeologa costretta per necessità a trasferirsi da Roma a Pompei, dove resta per un lungo periodo. L’autrice vive a Pompei all’interno della città antica e lavora come archeologa nel territorio pompeiano, portando alla luce in un territorio condizionato da presenze camorristiche, come da un vaso di Pandora una vera e propria miniera archeologica. L’archeologia vesuviana si e’ rivelata diversa da quella degli altri siti, più sacrificata, più pericolosa, ma unica per le testimonianze impressionanti che sa offrire: dagli scheletri di un cavallo e di un cane bloccati nella stalla perché legati, al mestolo abbandonato in un dolio ancora pieno di farina.

L’autrice rivive l’aroma del vino, il sapore del miele, il profumo dei cipressi. Il libro, autobiografico, narra di un’archeologia dietro le quinte: le speranze, le emozioni, le meraviglie che solo un territorio seppellito dalla eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. può offrire. Molteplici gli scavi, molteplici i personaggi anche di rilievo internazionale del mondo della cultura, politica e delle arti che l’autrice incontra nel suo percorso di vita, come l’allora presidente degli Stati Uniti D’America Bill Clinton e la moglie Hilary, Leonard Bernstein, M.L. Rostropovic, Rudolf Nureyev, Josè Carreras e Frank Sinatra.

L’archeologa non dimentica di essere anche una donna ed una madre. Scopre la dolcezza degli affetti materni tra i piccoli oggetti nella tomba di un bambino. Si immedesima nel dolore della madre e lo rende eterno. Sotto il suo sguardo scorre più di un millennio di storia. Catturata dal fascino del mito e della leggenda l’autrice affronta un’archeologia unica al mondo pronta a svelare i misteri di Pompei e del suo territorio.

Più informazioni su