Seguici su

Cerca nel sito

Festa della Merca, la festa dei record

Oltre 5000 persone hanno partecipato all'evento

Più informazioni su

il Faro on line – Oltre 5000 persone presenti nel weekend; più di 160 cavalli impegnati nelle attività equestri; oltre 120 capi nella Mostra Nazionale del Bovino Maremmano; 60 cani impegnati nelle rassegne dedicate; numeri record per la Festa della Merca. Due giorni all’insegna della Maremma, in uno scenario, quello della Roccaccia, bello e suggestivo come sempre. Soddisfatta l’amministrazione dell’Università Agraria di Tarquinia “La conferma della crescita è nei numeri. – commenta l’Università – La Festa della Merca, nel suo abbinamento con la Mostra Nazionale del Bovino Maremmano, è diventata un punto di riferimento nell’ambito delle feste outdoor. Per due giorni Tarquinia è stata capitale della Maremma. Dai convegni alle attività proposte, tutto ha ruotato attorno al territorio e alla tradizione. Moltissime le famiglie e tantissimi i bambini presenti: questa è la nostra soddisfazione più grande”.

“Rievocata la marchiatura del bestiame che dà il nome all’evento, – continua l’Università – nel rispetto del benessere degli animali, come del resto per tutte le attività svolte. Entusiasmante lo spettacolo equestre, un ritorno, con i caroselli più suggestivi presenti nel panorama dei gruppi maremmani. Successo anche per la masterclass di mascalcia del duo ‘Muscianese & Bonini’. Molto apprezzato anche il villaggio espositivo con stand di qualità legati ai sapori e all’artigianato locale. Tra i momenti più belli e toccanti la consegna del ‘Trofeo Sergio Benedetti’ alla dott.ssa Roberta Guarcini, direttore dell’Anabic, e il ‘Trofeo Marino Mancini’ attribuito alla giovane amazzone Alessia Quattrini”. “Tantissimi – conclude – i ringraziamenti da fare, agli enti che ci hanno sostenuto: Comune di Tarquinia, Regione Lazio e Arsial, Anabic, Fitetrec-Ante (presenti i vertici nazionali), Ausl di Viterbo con il servizio veterinario, Croce Rossa, Pro Loco Tarquinia, Pro Tarquinia, Aeopc, dal gruppo comunale della Protezione Civile, associazione ConTatto Natura, gruppo Cinofilo Tarquiniese, Circolo Cacciatori. Un grazie anche a tutti gli sponsor che ci hanno aiutato. Un lavoro di squadra che ha dato ottimi risultati”.

Più informazioni su