Seguici su

Cerca nel sito

Premiati i Campioni Mondiali ed Europei delle Fiamme Gialle

Nel consueto appuntamento annuale, gli atleti gialloverdi hanno ricevuto, tra gli applausi, le loro ricompense di merito

Più informazioni su

Il Faro on line – 26 atleti tutti insieme, 26 cuori sportivi e 26 talenti. Campioni di livello assoluto. Questo è stato lo scenario che, lo scorso 21 aprile a Roma, presso la Sala Sante Laria del Comando Generale, della Guardia di Finanza, ha caratterizzato la Premiazione dell’Attività Agonistica 2014 ed Invernale 2015, dei Gruppi Sportivi Fiamme Gialle.  
E gli atleti gialloverdi, che hanno vinto le loro medaglie, in campo mondiale ed europeo, erano là, pronti a ricevere le proprie ricompense di ordine morale, da parte dei vertici, non solo della Guardia di Finanza, ma anche da parte di quelli dello sport italiano.

Per i Campionati Mondiali, sono stati premiati : Arianna Fontana, Arianna Valcepina ed Elena Viviani (short track), Dorothea Wierer (biathlon), Romano Battisti e Francesco Fossi (canottaggio), Valerio Aspromonte e Giorgio Avola (scherma), Silvana Maria Stanco (tiro a volo), Alessandro Pittin (combinata nordica). Per i Campionati Europei : Elisabetta Sancassani, Laura Milani, Paolo Perino e Giuseppe Vicino (canottaggio), Libania Grenot (atletica leggera), Tania Cagnotto (tuffi), Enrico Berrè e Luigi Samele (scherma), Alice Mizzau (nuoto), Dino Briganti (tiro a segno), Martina Caironi e Oxana Corso (atletica leggera paralimpica). Per le singole prove di Coppa del Mondo, invece, sono stati questi gli atleti premiati : Stefano Gross ed Elena Fanchini (sci alpino), Roland Clara (sci di fondo) e Andrea Giovannini (pattinaggio su ghiaccio).

Alla presenza dunque, del Gen.C.A. Saverio Capolupo, del Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, il Gen. C.A. Pasquale Debidda, dell’Ispettore per gli Istituti d’Istruzione, il Gen C.A. Giorgio Toschi, del Generale del Centro Sportivo della Guardia di Finanza, Giorgio Bartoletti, del Presidente del Coni, Giovanni Malagò e del Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, i campioni gialloverdi hanno ricevuto, diplomi ed applausi. Tanti, questi ultimi. Anche, da parte, dei 250 giovani studenti accorsi, insieme ai loro insegnanti, che a fine cerimonia, hanno scattato foto e richiesto autografi.

Sono state caratteristiche le parole del Generale Giorgio Bartoletti, che tutti i giorni, ha la possibilità di seguire e di curare direttamente l’opera e la crescita dei suoi atleti : “Voglio ringraziare i campioni presenti, sia per quello che hanno fatto, sia per il loro spirito di abnegazione”. Ha poi continuato : “Il Centro Sportivo promuove e mantiene le attività sportive agonistiche di alto livello, al fine di accrescere il prestigio del Corpo e sviluppare il patrimonio sportivo nazionale”.

In questo modo, l’attività promozionale nel mondo dello sport, si esprime, non solo ai livelli mondiali più alti, ma anche attraverso i tantissimi progetti volti a divulgare i suoi valori, nella società civile : “Provo una profonda riconoscenza, per l’opera svolta nello sport italiano ed in quello paralimpico. I progetti messi sul campo, hanno lo scopo di rendere la società, migliore”. Anche Luca Pancalli, Presidente del Cip, non ha mancato di dare risalto all’impegno delle Fiamme Gialle. 

L’intervento del Presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha sottolineato la loro eccellenza agonistica : “Siete proprio bravi. Rappresentate il patrimonio del sistema sportivo italiano e non solo”. A conclusione, ha precisato che farà del suo meglio, per portare i Giochi a Roma, nel 2024 : “Farò del tutto per portare le Olimpiadi in Italia. Sarebbe molto bello, se tra 9 anni, chi tra gli atleti presenti, smetterà di svolgere la propria attività agonistica, potesse ricoprire un ruolo”. 

Un ruolo dunque di assoluto prestigio, sarebbe, come eredità, delle tantissime medaglie ottenute e sudate, in gara. Quelle festeggiate sono state le seguenti : 16 per i Campionati Mondiali, 24 invece, per i tornei continentali assoluti, insieme ai 120 titoli e 18 primati italiani conquistati. Infine, per le prove della Coppa del Mondo, per ben 17 volte, gli atleti gialloverdi hanno conquistato i loro preziosi metalli : “Abbiamo vinto contro la Russia, per il terzo e quarto posto. Siamo stati contenti di essere tornati con una medaglia”. In questo modo, Valerio Aspromonte descrive la sua medaglia di bronzo a squadre, in Coppa del Mondo, a Kazan, conquistata insieme al suo compagno di squadra e di divisa, Giorgio Avola. Anche Dorothea Wierer, descrive la sua gara in staffetta, nella 4x6km, ai Mondiali di Kontiolahti : “E’ stata un’emozione fortissima. E’ una medaglia che vinci insieme a tutta la squadra, quindi è qualcosa di speciale”. Insieme a loro, anche Alice Mizzau, fresca campionessa italiana a Riccione, nei 200 e 400 stile libero, racconta di una, delle sue due medaglie vinte, agli Europei di Berlino 2014 : “Con l’oro nella 4×200, sono riuscita a portare avanti il titolo europeo, per 2 anni. Non è una cosa da poco”.

Uno spettacolo tutto gialloverde dunque, che si è mostrato grazie agli atleti delle Fiamme Gialle ed al loro grande cuore di campioni, della Guardia di Finanza.  
Foto : Ufficio Stampa Fiamme Gialle

Alessandra Giorgi

Più informazioni su