Seguici su

Cerca nel sito

Villa Guglielmi, feste vicine ma la struttura è nel degrado

La segnalazione di Donne in Azione: manutenzione inadeguata, niente bagni e percorsi pericolosi

Più informazioni su

Il Faro on line – Manca un giorno al 25 aprile, e poco dopo arriverà il Primo maggio. Banale vero? Non è certo una notizia da dare sul giornale, se non fosse per il fatto che in queste date Villa Guglielmi si riempie di turisti che si trovano davanti uno spettacolo deprimente. “Alberi crollati a terra e mai tolti, rami tagliati e lasciati a marcire, selciato divelto, giochi per bambini rotti, attrezzi ginnici fuori uso. E’ un vero peccato”, recita una nota del Comitato Donne in Azione che lamenta la mancata programmazione nonché l’assenza di manutenzione e controllo del verde pubblico.

“Ma l’aspetto più grave – prosegue il comunicato – è l’assoluta mancanza di bagni. Se fosse una tenuta larga ettari di terreno potrebbe essere concepibile, ma essendo una struttura piccola e recintata, e dunque molto frequentata anche da tutti gli anziani e i bambini della città, si potrebbe e si dovrebbe risolvere questo problema. Eppure i bagni ci sono, all’interno della Villa stessa. O comunque si potrebbero mettere dei bagni chimici fissi.

Le scuse per non farlo da parte dell’Amministrazione sono molte – proseguono le Donne in Azione –, ma altrettanti sono i rimedi che la gente che ha bisogni impellenti trova sul posto. Come quello di una piccola radura, seminascosta dalle siepi, che si è trasformata in un vespasiano a cielo aperto, con cartacce per terra e schifezze varie. Una soluzione fai da te assolutamente deprecabile, eppure l’unica in mancanza di un’alternativa.

Ora, con il 25 aprile e il 1 maggio alle porte, chiediamo all’Amministrazione uno sforzo organizzativo: pulizia straordinaria e bagni chimici, onde evitare il caos. Ma non basta: poi ci vuole un’attenzione costante e strutturale, per far tornare Villa Guglielmi ad essere qual gioiello che Fiumicino merita. Riparare gli attrezzi, sistemare i giochi, eliminare i pericoli dovrebbe essere una priorità per il Comune. Noi per parte nostra segnaliamo e sollecitiamo. Sperando che qualcuno a via Portuense abbia orecchie per sentire”.
Angelo Perfetti

 

Più informazioni su