Seguici su

Cerca nel sito

Ritornano gli incendi dolosi: all’Axa a fuoco il “Ciaocore”

E' il terzo incendio che in poco più di un anno vede come protagonisti i locali commerciali dell'entroterra municipale

Più informazioni su

Il Faro on line – Un vetro rotto, la benzina lanciata nella cucina e poi le fiamme. E’ stato appiccato con questa modalità il rogo doloso contro il Ciaocore bistrot, ristorante dell’Axa aperto da meno di un anno. E’ il terzo incendio che in poco più di un anno vede come protagonisti i locali commerciali dell’entroterra municipale. La prima attività colpita a gennaio 2014 è stata la videoteca “Prima fila”, distrutta dalle fiamme. Lo scorso settembre invece è toccata la stessa sorte al ristorante dell’Infernetto “I Ciarli”. Infine il ciaocore bistrot. Anche in questo caso gli autori del rogo sono ignoti. I titolari non hanno sospetti riguardo agli autori del gesto.

Dalla politica, particolarmente sensibile al problema e preoccupata che possa trattarsi di un atto mafioso è arrivata immediata la solidarietà. Il movimento 5 stelle ha lanciato l’ashtag #mafiacapitale teme l’onestà. Giovanni Zannola, ex consigliere municipale del Pd, socio del !Quore matto” locale anch’esso colpito da un rogo, ha commentato: ”Atti intimidatori, ripicche, “sfregi” , soprusi. Ciò che accade quando si usano le fiamme ci lascia interdetti, stupiti. Gli incendi , chiunque li appicca, per qualsiasi motivo, hanno un minimo comune denominatore, la cultura mafiosa. Questo è davvero inaccettabile”.

I tiolari del Ciaocore chiedono invece una aiuto per rimettere a posto il locale: “Da domani cominciamo a rimettere a posto i danni che ci hanno fatto questi mezzi esseri umani. Sono gradite collaborazioni di ogni genere. Noi ci siamo. Voi ci siete?”.

Marco Orlando

Più informazioni su