Seguici su

Cerca nel sito

Sant’Egidio in preghiera a Ostia

Appuntamento questa sera presso la Chiesa sul Lungomare Paolo Toscanelli

Più informazioni su

​Il Faro on line – Gli orrori della storia devo essere d’insegnamento, anzi in qualche modo sono permessi proprio perché le persone possano cambiare direzione, imparare a partecipare al piano di Amore che Dio ha per il mondo intero. Perché dal momento che si muore, e senza colpe per causa altrui, si muore santamente, il problema rimane per i vivi non per chi contempla il volto di Dio. In questo senso il sangue innocente sparso scrive una nuova storia in ciascuna vita che sappia leggerne il significato non facendosi offuscare dalla rabbia, dal rancore, dalla vendetta, dalla ricerca di un senso razionale e umano o dall’oblio del relativismo e della globalizzazione dell’indifferenza, peggio ancora dal Negazionismo che Satana vuole sia nelle Coscienze dell’Uomo, fino a cancellarle, per ripetere gli stessi orrori. 

Su questo la Comunità di Sant’Egidio ci invita a riflettere, pregare, fermarci. Ad Ostia spesso si incontra nelle Piazze, nelle Strade, nei condomini, insieme alla gente che incontra, spesso a senza tetto ed emarginati. Questa volta chiama a Sé. “Questa sera – ci scrive Stefano Natali responsabile della Comunità Ostiense di Sant’Egidio –  pregheremo per la Pace nella Chiesa della Comunità Ostiense di Sant’Egidio. In particolare faremo Memoria della Strage degli Armeni, e pregheremo per i migranti morti nel Canale di Sicilia. L’appuntamento – conclude Natali – è alle 19 in Via Lungomare Paolo Toscanelli 184.”

Il sangue degli innocenti è versato per cambiare la Tua vita ed entrare nella Carità e nella Misericordia dello Sguardo che dal Cielo osserva la terra, il punto di vista di Dio che vuoLe un cambiamento non necessariamente eroico, titanico, spasmodico, ma vicino a dove ciascuno di noi è proprio adesso. Per questo permette la morte, perché sia vita, vera. Non rimaniamo agganciati al giogo del Male che vuole invece accusare l’uomo e Dio, Dio e l’uomo, metterli l’Uno control’altro perché li odia entrambi. Non giriamo in tondo  all’Odio che vuole autoalimentarsi, ma proseguiamo in linea retta verso quel cono di Luce che porta all’Amore pieno verso il quale il Re della Storia ha destinato i Figli suoi. 

L’appuntamento è nella Chiesa sul Lungomare Ostiense che per una volta non sarà un luogo di discordia, di contesa o di effimero spirito mondano, ma un posto dove veramente contemplare il Mare guardando al Cielo permettendo all’Anima di unirsi all’orizzonte di Dio.

Più informazioni su