Seguici su

Cerca nel sito

Scioperi e agitazioni alla Pozzi Ginori in risposta ai licenziamenti

Cisl: "Serve impegnarsi per raggiungere un accordo dignitoso"

Più informazioni su

Il Faro on line- Le assemblee dei lavoratori della Pozzi Ginori, svoltesi nella giornata di ieri, hanno deciso lo stato di agitazione dando mandato alle segreterie territoriali di Femca Cisl, Filctem Cgil e Uiltec Uil di articolare un pacchetto di 16 ore di sciopero. E’ questa la prima, dura risposta dei lavoratori del sito di Gaeta all’apertura di una procedura di mobilità per 90 persone tra operai, impiegati e quadri annunciata dalla società pochi giorni or sono.La possibilità di utilizzare questo ammortizzatore era contemplata nell’accordo sulla cassa integrazione firmato in regione, ma prevedeva il solo ricorso a possibili pensionati e volontari, mentre la successiva richiesta di un così alto numero di esuberi, ha decisamente cambiato le carte in tavola creando un problema occupazionale di tutto rilievo.

Secondo i lavoratori ed il sindacato, infatti, il numero annunciato andrebbe ad impattare il 30% dell’attuale forza lavoro mettendo in seria difficoltà l’attuale organizzazione, con pesanti ripercussioni sia sulla quantità che sulla qualità dei pezzi prodotti. La società ha difeso la sua scelta spiegando come invece questo passo sia necessario perchè il sito di Gaeta diventi maggiormente competitivo, non solo sui mercati ma anche all’interno del gruppo Geberit. Questo perchè la multinazionale svizzera che, dall’inizio dell’anno ha rilevato la proprietà, vuole organizzare la sua nuova politica industriale e commerciale potendo contare su di una organizzazione del lavoro non più condizionata da ammortizzatori sociali.Concetto questo ripreso nel corso del primo incontro tra le parti, che si è tenuto ieri presso Unindustria Latina e  che ha portato l’azienda ad accogliere, parzialmente, una delle richieste avanzate dal sindacato di ridurre il numero degli esuberi, passando da 90 ad 82.Un gesto apprezzabile ma che, secondo le OO.SS.,  renderebbe ancora instabile la futura organizzazione aziendale e di qui la proposta di continuare a studiare soluzioni che riducano ancora il numero dei licenziamenti annunciati.

L’altra richiesta avanzata, era stata quella di puntare su uscite incentivate degli esuberi, ma qui le posizioni si sono dimostrate  ancora troppo distanti con la società che punta ad offrire cifre decisamente insufficienti rispetto all’impatto sociale che una mobilità di questo genere andrebbe a creare sul territorio.
Commenta Roberto Cecere segretario generale della Femca Cisl di Latina ” siamo di fronte ad un vertenza dura e complessa, con  decine e decine di licenziamenti, dove riscontriamo un atteggiamento di rigidità aziendale che ci sconcerta non poco. Siamo consapevoli della posta in gioco e delle intenzioni dichiarate dalla Geberit di voler rilanciare il sito, e non ci siamo certo sottratti al confronto, ma non possiamo accettare che per farlo si punti sul licenziamento di tante persone senza voler garantire loro una adeguata contropartita economica.

La nostra richiesta è stata molto chiara: ridurre ancora il numero degli esuberi, puntare sui volontari e, considerando l’età di questi persone, offrire loro quote salariali non inferiori ai cinque anni di stipendio. Anche i lavoratori, nelle assemblee odierne, si sono espressi chiaramente su quella che ritengono essere una proposta aziendale profondamente sbagliata, dando il pieno sostegno alla vertenza in atto. Quelle da noi avanzate non  sembrano proposte irragionevoli anche perchè ci troviamo di fronte ad una multinazionale che punta a diventare leader nel suo campo e, proprio per questo, facciamo appello alla sua responsabilità sociale d’impresa.” Le parti torneranno ad incontrarsi il prossimo 5 maggio

Più informazioni su