Seguici su

Cerca nel sito

Teatro San Marco: Approvato il progetto esecutivo e predisposta la gara 

L'assessore Ranucci: "Il Governo ha messo disposizione 744mila euro. L'aggiudicazione della gara e la firma del contratto entro il 31 agosto"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Appena il Governo ci ha comunicato di aver messo disposizione 744mila euro per il teatro San Marco, abbiamo immediatamente approvato il progetto esecutivo e predisposto la gara d’appalto per completare i lavori – dichiara l’assessore Ranucci – L’aggiudicazione e la firma del contratto da parte della ditta vincitrice dovranno avvenire entro il 31 agosto. Siamo giunti a una svolta. Dopo le molteplici vicissitudini che hanno bloccato il cantiere, il traguardo di restituire alla città la struttura è più vicino”.

L’assessore Anselmo Ranucci, sottolinea come lo stanziamento svincolerà risorse da destinare ad altre opere pubbliche in programma. “Nell’ambito dell’iniziativa Cantieri in Comune, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha assegnato al Comune di Tarquinia questo finanziamento, che conferma la professionalità e la capacità di progettare dei nostri uffici per ottenere fondi, senza incidere sul bilancio – prosegue – E con questo modo di operare sono stati ottenuti i finanziamenti regionali, per realizzare il nuovo parcheggio di scambio all’Iiss Vincenzo Cardarelli, e quelli del commissario straordinario delegato per la mitigazione del rischio idrogeologico della Regione Lazio, per recuperare e mettere in sicurezza di Poggio Ranocchio”.

“Come il sindaco Mauro Mazzola – conclude l’assessore Ranucci – sono un amministratore, cui piace parlare con i fatti. La macchina della pubblica amministrazione è lenta, avvinghiata da lacci e laccioli e da una serie infinita di passaggi burocratici. Dopo la piscina, in cui pochi credevano, e Palazzo Bruschi Falgari, sede della nuova biblioteca comunale e per decenni lasciato nel degrado, con il sindaco Mazzola voglio dare un’ulteriore prova del nostro impegno a favore della città. Il resto sono chiacchiere da bar cui nessuno crede più”.

Più informazioni su