Seguici su

Cerca nel sito

Sorprende ladri di gasolio in oleodotto, guardia giurata aggredita

Il sindaco Montino: "Desidero esprimere solidarietà alla guardia giurata aggredita. Il nostro territorio e le condotte che lo attraversano sono sotto attacco"

Più informazioni su

Il Faro on line – Una guardia giurata è stata ridotta quasi in coma a calci e pugni da parte di un gruppo di balordi mentre stava effettuando dei controlli contro i furti agli oleodotti dell’Eni in zona Portuense-Ponte Galeria a Fiumicino. L’uomo è intervenuto quando ha sentito scattare l’allarme di una delle grate laterali di servizio all’oleodotto. “Giunto sul posto – ha raccontato – è stato aggredito da un gruppo di quattro o cinque persone, che parlavano con accento straniero”. I malviventi, vampiri di carburante che da qualche mese imperversano in zona o ladri di metallo, lo hanno circondato prendendolo a calci e pugni, lasciandolo a terra privo di sensi per poi dileguarsi. Secondo quanto si apprende la vittima ha riportato la frattura di alcune costole. Venticinque i giorni di prognosi.

A trovarlo sono stati i suoi colleghi che hanno chiamato i soccorsi. La guardia giurata, che ha ripreso i sensi in ambulanza, è stata poi portata all’ospedale Grassi. Indagano i carabinieri che stanno dando la caccia agli aggressori. “Desidero esprimere la mia solidarietà alla guardia giurata aggredita – ha detto il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino – L’ho detto e ripetuto più volte anche in passato: il nostro territorio e le condotte che lo attraversano sono sotto attacco. Servono misure straordinarie contro i ‘vampiri di carburante’, individui privi di scrupoli e pronti a tutto, anche a provocare un disastro come quello accaduto nei canali di Maccarese o a ridurre in fin di vita chi compie il proprio dovere per salvaguardare l’ambiente e la salute pubblica. Ripeto, servono misure straordinarie per far fronte a questi continui e ripetuti attacchi”.

E ancora: “Le società proprietarie devono mettere a regime un sistema di controlli preventivi attraverso allarmi che in tempo reale registrino i cambiamenti del flusso di cherosene nelle condotte e devono provvedere a un pattugliamento sui loro oleodotti. Altrimenti – ha concluso – se non si riesce a garantire sicurezza per nessuno, l’unica soluzione è quella di cambiare modalità di trasporto del carburante”. 

“Ci chiediamo se a Roma, come in altre città italiane dove la criminalità è più aggressiva, le norme per lo svolgimento dei servizi di vigilanza siano tuttora adeguate – dice Vincenzo Del Vicario del Savip, il sindacato delle guardie giurate – Spesso le guardie sono mandate a compiere controlli sui cantieri ed altri obiettivi sensibili senza torcia, giubbetto antiproiettile, apparati radio funzionanti ed altre essenziali dotazioni, previste dal regolamento della Questura e dalla legge 81/08 sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, sappiamo pure che norme e Regolamenti poco cautelativi consentono la vigilanza di importanti infrastrutture da parte di guardie isolate”.
“I nuovi Decreti ministeriali, in particolare il D.M. 269/2010, secondo il sinadcato, prevedono costose certificazioni di qualità che, però, nessuno si perita di verificare che corrispondano effettivamente ai servizi offerti e alle dotazioni previste per effettuarli: la sicurezza delle guardie giurate è la prima vittima dell’ipocrisia di questo sistema”
 
Ribadisce il sindaco Montino: “Ripeto, servono misure straordinarie per far fronte a questi continui e ripetuti attacchi. Non possiamo pensare di contrastare questi fenomeni criminosi con qualche camminatore sulle condotte o controlli estemporanei sugli oleodotti. Le società proprietarie devono mettere a regime un sistema di controlli preventivi attraverso allarmi che in tempo reale registrino i cambiamenti del flusso di cherosene nelle condotte e devono provvedere a un pattugliamento sui loro oleodotti. Altrimenti, se non si riesce a garantire sicurezza per nessuno, l’unica soluzione è quella di cambiare modalità di trasporto del carburante”.

Più informazioni su