Seguici su

Cerca nel sito

Si è svolta ieri la prima riunione dell’Osservatorio Ambientale Regionale

M5S: "Studi e confronti sull'impatto ambientale e sulla salute in merito alla centrale di Torrevaldaliga Nord"

Più informazioni su

Il Faro on line – Si è svolta ieri, presso la Regione Lazio, la riunione dell’Osservatorio Ambientale istituito in ottemperanza alla prescrizione contenuta nel decreto di Valutazione di Impatto Ambientale della centrale Enel di Torrevaldaliga Nord. Alla riunione ha partecipato, per la prima volta dalla sua costituzione, il Comune di Civitavecchia, rappresentato dal Dirigente dell’Ufficio Ambiente, ing. Gaetano Pepe, e, per l’occasione, dall’assessore all’Ambiente dott. Alessandro Manuedda. Dopo aver svolto alcuni adempimenti amministrativi, sono state illustrate alcune attività rientranti nella precedente programmazione dell’Osservatorio e portate avanti dagli enti che ne fanno parte.

“In particolare – afferma il M5S – sono stati illustrati i lavori relativi alla predisposizione di un sistema di previsione dell’inquinamento atmosferico e le metodologie di attuazione dello studio epidemiologico Abc i cui primi risultati dovrebbero essere resi noti a fine giugno/inizio luglio . Si è inoltre iniziato a discutere dell’ammodernamento e l’ottimizzazione del sistema di rilevamento  della rete delle centraline e concordato di riorganizzare il sito internet dell’Osservatorio in modo da rendere accessibili la maggior quantità possibile di dati e documenti inerenti la centrale a carbone di Tvn”.

“Su questo ultimo punto l’assessore Manuedda ha sottolineato la richiesta già avanzata dal sindaco Cozzolino che si giunga alla pubblicazione in tempo reale del rilevamento delle emissioni in continuo. La prossima riunione – conclude l’assessore – è prevista entro la metà di Luglio, mentre tra settembre e ottobre è prevista la pubblicazione di un report contenente i dati relativi al 2013 e al 2014 e un’iniziativa pubblica a Civitavecchia per la comunicazione diretta con i cittadini circa le attività e i programmi dell’Osservatorio Ambientale”.

Più informazioni su