Seguici su

Cerca nel sito

Dragaggio del Porto, è arrivata la draga

L’intervento durerà fino alla fine di giugno e permetterà di allargare in ampiezza il canale di accesso ed approfondire il pescaggio

Più informazioni su

Il Faro on line – La draga partita da La Spazia è arrivata nel porto di Anzio ieri mattina. L’intervento di dragaggio durerà fino alla fine di Giugno (salvo eventuali proroghe dovute alle avverse condizioni meteo marine). Per consentire alla draga di mettersi subito all’opera il Comandante del Porto di Anzio ha già emanato dal 3 Maggio 2015 l’ordinanza di sicurezza, prevedendo la possibilità per il mezzo di lavorare nell’arco delle 24 ore anche nei week end.

Tutto pronto quindi, sperando che le condizioni meteo marine siano favorevoli e consentano alla draga di operare con la massima celerità e frequenza possibile per portare al termine i lavori quanto prima. Il mezzo individuato per consentire di ripristinare nella sua interezza la fruibilità del canale di accesso al porto di Anzio, anche grazie alle ripetute sollecitazioni dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio, che si era fatto in più occasioni portavoce, verso la Regione Lazio, delle esigenze dell’utenza portuale Anziate, ha una lunghezza di 80 mt. ed ha una portata di 2500 m3 circa per singolo carico.

Al fine di consentire l’ordinato e sicuro svolgimento dei traffici e della navigazione nell’ordinanza adottata dall’Ufficio Circondariale Marittimo viene prescritto, tra l’altro, a tutte le unità di navigare a lentissimo moto, mantenendo la minima velocità di manovra e con la massima cautela; assicurare ascolto radio permanente sui canali 16 e 13 VHF; tenersi a distanza di sicurezza dal mezzo effossorio operante, avendo cura di coordinarsi preventivamente con il Comando di bordo della M/draga su canale 13 VHF e/o con la Sala Operativa dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio, su canale 16 VHF, prima di intraprendere la manovra di accesso/uscita consentendo, ove ne ricorressero le condizioni, la temporanea sospensione delle operazioni e lo spostamento del mezzo effossorio.

Inoltre, manovrare, secondo quanto previsto dal vigente Regolamento per prevenire gli abbordi in mare evitando, per quanto possibile, la creazione di moto ondoso che possa arrecare disturbo alle operazioni in corso, valutando l’eventuale adozione di misure aggiuntive suggerite dalla buona perizia marinaresca al fine di prevenire situazioni di potenziale pericolo; prestare massima attenzione a tutti i segnali, ottici e/o sonori che provengono dalle unità impegnate nei lavori; Nessuna manovra lungo il canale di accesso potrà quindi essere intrapresa, se non sarà preventivamente accertata la fruibilità dello stesso.

L’intervento previsto dall’Ardis per finalità di difesa della costa mediante il prelevamento delle sabbie dell’avamporto di Anzio permetterà di allargare in ampiezza il canale di accesso ed approfondire il pescaggio, in  modo che anche la stagione estiva 2015, oramai in fase di avvio, possa trascorrere con maggiori garanzie per i fruitori dello scalo Anziate e gli stessi operatori. Tale intervento si aggiunge a quello in somma urgenza dello scorso anno ed ancora a quello di due anni fa, quest’ultimo sempre effettuato dall’Ardis. Terminato l’intervento sarà necessario prevedere sin da subito l’avvio di un percorso affinchè il canale di accesso al porto venga manutenuto regolarmente, al fine di evitare in futuro, il ripresentarsi del problema insabbiamento. 

Più informazioni su