Seguici su

Cerca nel sito

Assange, la Corte suprema svedese conferma l’arresto

Il faro on line – Il ricorso presentato da Julian Assange, l'ex hacker e giornalista australiano accusato di crimini sessuali nei confronti di due donne, è stato respinto. La Corte Suprema di Stoccolma ha confermato, oggi, le sentenze emesse da tribunali di grado inferiore che hanno ordinato l'arresto del giornalista, spiegando che non sussistono motivazioni per annullare la sentenza con le indagini ancora in corso e che gli inquirenti hanno già avviato un iter per interrogare Julian Assange a Londra, dopo che lo scorso marzo le autorità giudiziarie svedesi hanno accettato di ascoltare il fondatore di WikiLeaks all'interno dell'ambasciata ecuadoriana.

Il mandato di arresto emesso nel 2010 era stato emesso dal tribunale svedese. Assange, ha sempre negato le accuse che gli sono state mosse e, secondo lui, che si tratterebbe di un complotto per estradarlo negli Stati Uniti, dove è accusato di spionaggio in seguito alla pubblicazione di decine di migliaia di documenti diplomatici riservati. Dal giugno del 2012, vive all'ambasciata dell'Ecuador a Londra, che gli ha concesso asilo, per evitare l'estradizione.
Daniela Pozone
 

Più informazioni su

Più informazioni su