Seguici su

Cerca nel sito

Profughi, i Sindaci di Ladispoli e Cerveteri chiedono l’apertura di un tavolo di confronto

La Prefettura appronta il piano di accoglienza

Più informazioni su

Il Faro on line – “La Prefettura di Roma ha inviato a tutti i Comuni dell’Area Metropolitana di Roma un piano di accoglienza per i profughi richiedenti asilo in Italia. Il piano prevede una distribuzione in base alla popolazione residente: nei Comuni di Ladispoli e Cerveteri complessivamente la prefettura prevederebbe l’arrivo di 116 persone –  afferma il sindaco Pascucci – Siamo consapevoli che la nostra Nazione sta affrontando un’emergenza straordinaria e non vogliamo sottrarci ai nostri ruoli istituzionali. Inoltre continuiamo a ribadire che accogliere e aiutare il prossimo è un dovere morale. Proprio per questo le nostre Amministrazioni la scorsa settimana, preallertate dalle comunicazioni precedenti, hanno immediatamente avviato un lavoro congiunto attraverso il tavolo territoriale dei Piani di Zona”.

“Abbiamo inoltre scritto una lettera ufficiale all’Area Metropolitana di Roma che illustrava le nostre difficoltà logistiche e chiedeva a tal proposito un incontro di approfondimento e l’elaborazione di una strategia sovracomunale- dichiara il sindaco Paliotta – Con le stesse finalità stiamo inviando un’ulteriore lettera alla Prefettura chiedendo in modo urgente un confronto. È noto a tutti che nei nostri territori non esistono strutture in grado di accogliere e dare assistenza nelle proporzioni richieste dalla Prefettura.Va considerato che nei due Comuni risiedono già circa 12 mila cittadini stranieri e tra di essi molti hanno già ottenuto asilo politico”.

“Tutto questo dimostra che già da anni sono in atto positivi processi di integrazione e di accoglienza. Quando si presenta un’emergenza ognuno deve fare la propria parte, ma lo Stato centrale non può pensare di affrontare una situazione così complessa e delicata suddividendo tra le città in modo aritmetico le persone chiedono accoglienza.Solo un confronto approfondito tra tutte le istituzioni può trovare una soluzione soddisfacente per un problema che deve coinvolgere l’intera Europa”. 

Più informazioni su