Seguici su

Cerca nel sito

Biogas, La Regione Lazio chiede il parere del Sindaco in base all’urbanistica

Presidente Bio Ambiente, Baldi: "Mazzola dica no al Biogas, adesso glielo chiede tra le righe anche la Regione Lazio"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il Sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, che attualmente riveste anche la carica istituzionale di Presidente della Provincia di Viterbo, questa volta non può più esimersi dall’esprimere il suo parere proferendo un secco diniego al progetto biogas , centrale insalubre di prima classe (per la fermentazione anaerobica dei rifiuti organici – Forsu), alla cui costruzione in località Olivastro di Tarquinia – dichiara Gian Piero Baldi Presidente di “Bio Ambiente, Cura e Salvaguardia del Territorio di Tarquinia e dell’Alto Lazio – si sono opposti tenacemente ormai da circa un anno e mezzo i cittadini residenti e le Associazioni ambientaliste di Forum Ambientalista e di Bio Ambiente”.

“Infatti è di pochi giorni fa l’ultimo documento dell’ufficio Via (Valutazione Impatto Ambientale) della Regione Lazio in cui si richiede al Comune di Tarquinia di esprimere il proprio giudizio. Non solo ma tale lettera di sollecito istituzionale dichiara che allo stato dell’arte, se non vi saranno mutazioni al vigente regolamento urbanistico comunale,  ….” Considerato che l’unico riferimento comunale sull’argomento in oggetto risulta essere la Delibera C.C. n. 33 del 17 maggio 2004”  e visto che ….” l’intervento in oggetto non risulterebbe tra quelli consentiti dalle Nta del Prg per le zone Ei in cui ricade il progetto ….”  tale parere non potrà che essere negativo ed ostativo a tale progetto insalubre per l’ambiente, fra l’altro  già fortemente compromesso dalle note ed importanti fonti inquinanti presenti  (Porto di Civitavecchia, centrale a carbone di Tvn, centrale a gas di Tvs, deposto a cielo aperto di Pet Coke, Centrale di Montalto di Castro, ecc.)”.

“In ultimo, caro Sindaco Mazzola, ancora grazie per il suo fervore e grinta nell’opporsi alla minaccia di una Mega discarica nel nostro territorio durante il recente incontro risultato poi essere una candid camera recitata circa un mese fa al teatro di Monteromano dove Lei a spada tratta ha gridato  più volte un giusto e secco NO a difesa dei suoi cittadini.
Ecco ora caliamoci nella realtà dei fatti dove gli stessi cittadini le chiedono a gran voce di essere difesi dal loro stesso Sindaco da un’analoga minaccia ed in un’azione  che non è una crociata ma un semplice diniego scritto ad un progetto di un’altra industria insalubre per definizione, in un territorio che già tanto ha pagato in aumento di  mortalità secondaria all’inquinamento ambientale, specialmente a causa tumorale.
Perciò caro Sindaco Mazzola, dica no al Biogas, adesso glielo chiede tra le righe anche la Regione Lazio.”

Più informazioni su