Seguici su

Cerca nel sito

Bandiera Blu 2015: premiata la politica “green” dell’Amministrazione Mitrano

Il Sindaco: "La Bandiera Blu è il simbolo di un impegno costante che assumiamo con i cittadini per realizzare una città più pulita, ordinata, sicura e vivibile"

Più informazioni su

Il Faro on line – Sul Palazzo Comunale di Gaeta sventola la Bandiera Blu 2015: l’ha issata il Sindaco Cosmo Mitrano, questa mattina, dopo aver calato quella del 2014, al termine della Conferenza stampa, durante la quale l’Amministrazione Comunale ha condiviso la soddisfazione di un bis fortemente voluto, e ottenuto lavorando con grande impegno tutto l’anno.L’ambito riconoscimento internazionale, conquistato per la seconda volta consecutiva dall’attuale governo cittadino, è stato consegnato ai Comuni rivieraschi e approdi turistici vincitori, alla presenza dei Sindaci, dalla Fee (Foundation for Environmental Education), martedì 12 maggio 2015, nel corso di una cerimonia ufficiale che si è svolta a Roma, presso la sede della Regione Lazio.

“La Bandiera Blu 2015 – dichiara soddisfatto il Primo Cittadino – è un premio alle politiche green che stiamo portando avanti, che ci stimola  a fare di più e meglio, perché, come ha ben evidenziato, il Presidente Fee Italia Claudio Mazza, la Bandiera Blu non è punto di arrivo per la città che la riceve, ma una nuova partenza verso ulteriori progetti di eco sostenibilità e tutela ambientale, perché in realtà  il vessillo va conquistato giorno dopo giorno.
La Bandiera Blu è il simbolo di un impegno costante che assumiamo con i cittadini per realizzare una città più pulita, più ordinata, più sicura, più bella, quindi più vivibile e attraente per tutti, turisti e residenti. Gaeta ha ottenuto anche un altro bis, quello della Bandiera Verde, assegnata dai pediatri a 100 spiagge italiane a misura di bambino.

Gaeta viene premiata, ancora una volta, come località turistica marina in grado di garantire a genitori e bambini vacanze tranquille e sicure. Premiata, dunque, per le sue politiche rivolte all’eco sostenibilità e alla famiglia”. 147 le località rivierasche (7 in più rispetto al 2014), e 66 gli approdi turistici che potranno fregiarsi della Bandiera BLU 2015.
La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale istituito nel 1987 nell’ Anno europeo dell’Ambiente, che viene assegnato ogni anno in 48 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei. Bandiera Blu è un eco-label volontario per la certificazione di qualità ambientale delle località turistiche balneari.
Un riconoscimento sempre più agognato  dalle città di mare “poiché l’aspetto ambientale di una località ha una forte incidenza sulla scelta di una destinazione turistica” ha rimarcato il Presidente Mazza.

L’obiettivo principale del programma è promuovere nei Comuni rivieraschi una conduzione sostenibile del territorio, attraverso una serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche l’ attenzione e la cura per l’ambiente. Ai fini della valutazione, la qualità delle acque di balneazione è considerata un criterio imperativo, solo le località le cui acque sono risultate eccellenti, possono presentare la propria candidatura.

Tra gli altri criteri presi in esame si trovano anche: la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare, la sicurezza ed i servizi in spiaggia.I parametri di valutazione diventano ogni anno più restrittivi. In particolare grande rilievo è stato dato quest’anno alle iniziative poste in essere dalle Amministrazioni per valorizzare le aree naturalistiche presenti sul territorio, per migliorare l’arredo urbano, per assicurare una miglior cura delle spiagge, per garantire una gestione ottimale del ciclo dei rifiuti.Hanno contribuito al giudizio finale e alla assegnazione importanti Enti ed Istituzioni, quali: il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, il Coordinamento Assessorati Regionali al Turismo, il Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, l’Ispra, il Laboratorio di Oceanologia ed Ecologia Marina dell’Università della Tuscia, il Consiglio Nazionale dei Chimici e l’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), nonché organismi privati quali i Sindacati Balneari (Sib Confcommercio Fiba Confesercenti), la Fin  – sez. Salvamento.

Il Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, anche quest’anno garantirà il supporto per verificare la rispondenza delle località premiate ai criteri di spiaggia richiesti. L’invio tempestivo degli esiti delle visite di controllo, permetteranno di intervenire e di contribuire al mantenimento degli standard di eccellenza previsti dal programma Bandiera Blu.  

“E’ una conferma importante per la nostra città – afferma l’Assessore alle Politiche Ambientali Alessandro Vona – Determinante è stata la rivoluzione che stiamo realizzando nella raccolta differenziata con la diffusione del porta a porta. Anche se con qualche difficoltà e intoppo, purtroppo normali e frequenti nella fase di avvio del nuovo sistema, e che stiamo cercando di superare, la percentuale di differenziata è aumentata notevolmente. Certamente dobbiamo mettere a regime il meccanismo della raccolta porta a porta, ma con la collaborazione dei cittadini, che sollecitiamo vivamente, potremo raggiungere traguardi rilevanti. Hanno influito nella valutazione positiva della candidatura di Gaeta anche le azioni a favore della mobilità sostenibile, tra cui l’avvio a breve del Bike Sharing, iniziativa unica in provincia e sicuramente rara in ambito regionale. Un ringraziamento doveroso e sentito agli uffici comunali e a tutti i dirigenti che hanno contribuito al raggiungimento di questo brillante risultato”.

Più informazioni su