Seguici su

Cerca nel sito

Sanità, Santori: “Zingaretti perde i pezzi”

Il consigliere Santori: "L'Ifo - Spallanzani di nuovo commissariato. Perchè?"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Si dimette l’ennesimo commissario straordinario nominato dal presidente della Regione Lazio Zingaretti, questa volta è il turno di Valerio Fabio Alberti dell’Ifo -Spallanzani, che aveva sostituito Moirano dimissionario a luglio dello scorso anno – dichiara il consigliere regionale Santori – Mentre prosegue la nominopoli sui manager della sanità a colpi di decreto, l’ultima nomina è dello scorso 20 maggio, il fatto è da ritenersi assolutamente grave in quanto è stato da poco approvato l’Atto Aziendale che, dovrebbe, essere frutto di scelte strategiche del manager stesso. Atto Aziendale, approvato nelle stanze del potere senza alcun confronto, tra due realtà lontane anni luce e che nell’immaginario zingarettiano dovevano essere fuse”.

“Cosa è successo tra Zingaretti e Alberti non è dato saperlo, ma possiamo certamente immaginarlo di certo Chiamparino continua nel suo saccheggio. Cosa succede all’Ifo Spallanzani forse la poltrona è eccessivamente calda? Il governatore Zingaretti ha ritenuto di commissariare nuovamente l’Ifo-Spallanzani senza alcun presupposto di legge. Si tratta di una lunga serie di nomine a commissario in violazione della Lr 18 del 1994 che vincola la stessa all’evidenza di gravi irregolarità, violazioni di legge o dei principi di buon andamento e di imparzialità dell’amministrazione. Inoltre – conclude Santori – strane voci circolano da tempo anche su altri manager di ASL pronti a rassegnare le proprie dimissioni, forse più di qualcuno non si sta allineando alla sua strana e curiosa visione di una nuova sanità nel Lazio? Siamo certi che Zingaretti, nonostante perda pezzi, continuerà nelle sue personali nomination fino a quando non troverà le persone giuste per affossare definitivamente la sanità laziale”.

Più informazioni su