Seguici su

Cerca nel sito

La Confconsumatori chiede alla Consob di accertare le condotte dei dirigenti Prelios Sgr

Conte: "Anche presso la sede di Minturno stanno pervenendo le prime segnalazioni dei risparmiatori"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Nei giorni scorsi la Confconsumatori Nazionale ha depositato presso la Consob un esposto con il quale si chiede di accertare se vi siano state condotte penalmente rilevanti da parte dei dirigenti della Prelios Sgr S.p.A., nella gestione del Fondo Immobiliare Olinda”. E’ quanto si legge in un comunicato dell’Avvocato Franco Conte, Presidente della Federazione Provinciale.

“Anche presso la locale sede della Confconsumatori – prosegue Conte – Federazione Provinciale di Latina-Minturno stanno pervenendo le prime segnalazioni di risparmiatori. Abbiamo già provveduto per alcuni nostri associati a istruire la pratica per l’adesione alle attività della sede Nazionale, che consiste nell’esposto penale per ciascun risparmiatore e nella eventuale e successiva costituzione di parte civile. Contemporaneamente i nostri legali verificheranno la fattibilità di azioni civili nei confronti degli istituti di credito che hanno collocato i titoli per il risarcimento dei danni”.

“La vicenda – continua Conte – ha visto coinvolti migliaia di risparmiatori che hanno acquisito quote del Fondo Immobiliare, ritenuto investimento sicuro ed a basso rischio, perché legato alla esistenza di immobili, peraltro messi a reddito con contratti di locazione. È accaduto che, alla scadenza dell’investimento, i risparmiatori hanno subito perdite patrimoniali ingenti che, nei casi più gravi, sono giunte anche al 60% dell’importo originariamente versato.

“Confconsumatori – si legge ancora – ha chiesto alla Consob di verificare se vi siano stati eventuali artifici e/o condotte illegittime nella gestione del Fondo dalla costituzione alla liquidazione. Particolare attenzione dovrà essere data alle rendicontazioni periodiche, ed alle modalità con cui si è proceduto alla liquidazione dei beni del Fondo, laddove stime elevate possano aver favorito la SGR nell’incasso di commissioni, mentre lo sconto sproporzionato, rispetto alle stime, concesso all’acquirente nel contratto di liquidazione finale è stato scaricato unicamente sui risparmiatori.

“Aspramente criticato – conclude Conte – dai quasi 400 quotisti riuniti da Confconsumatori (titolari di oltre 65mila quote) anche l’atteggiamento di Prelios nei confronti degli investitori. La società, infatti, non aveva ritenuto opportuno informare gli investitori della vendita in blocco ad Axa. E, nonostante le richieste da parte dei quotisti rappresentati da Confconsumatori, Prelios non ha mai voluto confrontarsi con gli investitori, opponendosi anche alla convocazione dell’Assemblea. Neppure il Comitato Consultivo, garante della tutela degli investitori, ha mai richiesto alcun chiarimento sull’operazione”.

Più informazioni su