Seguici su

Cerca nel sito

Pd, l’ex area Civati annuncia la nascita di “Civitavecchia (=) Possibile”

Il Partito: "Continuiamo la Nostra Politica per ritrovare chi era stato messo ai margini"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il nostro è un messaggio agli elettori del Partito Democratico ed ai suoi iscritti, con chi deluso ha condiviso con noi le preoccupazioni e le aspettative su questo Partito e con chi, già da molto tempo, trova difficile esserne parte. Da precursori dei tempi e sempre nella chiarezza più lampante, ci siamo battuti per la coerenza delle idee negli intenti”. E’ quanto si legge in un comunicato dell’ex Area Civati del Partito Democratico, da oggi Civitavecchia (=) Possibile.

“Ci siamo opposti – prosegue il comunicato – alla lista Moderati con Tidei nelle amministrative del 2014, sconfitti abbiamochiesto inascoltati di aprire un dibattito politico interno, partecipativo, di confronto. Abbiamo denunciato la crisi dei valori e dei contenuti che hanno eliminato l’identità del Partito. Abbiamoco ndannato il trasformismo, l’emorragia elettorale, l’accrescimento esponenziale delle tessere in fase congressuale non siamo mai entrati nella Commissione del tesseramento”.

Abbiamo chiesto a gran voce – si legge ancora – le Primarie Aperte per l’elezione degli organi dirigenti del Pd ed abbiamo avuto come risposta un Congresso organizzato sotto l’Albero di Natale, cui rivendichiamo la nostra scelta a nonparteciparvi. Nonostante tutto, ci aspettavamo un cambiamento anche e soprattutto alla luce di un ruolo di Opposizione al passo con i tempi, ma la maggioranza di questo Pd ha fatto una scelta politica precisa del centralismo, della governabilità a tutti i costi, verso il Partito delle Larghe Intese – si guardi, in ultimo, al rinnovo dei vertici dell’Università Agraria – verso quello che un giorno passerà ai posteri come il Partito della Nazione. In questa storia il Partito Democratico non c’è più, e non ci saremo neanche noi.

Per coerenza – conclude il comunicato – e nella massima chiarezza lasciamo il nostro Partito, scelta sofferta ma necessaria, malauguratamente in mano a chi ne ha fatto carne da cannone. Continuano la nostra Politica per ritrovare le Compagne ed i Compagni messe ai margini; quelli che la Sinistra non la trovano più nel Pd, quelli che si sono allontanati anni fa e non sono più tornati a votare; quelli che si sentivano dire non avete tutti i torti, però votate; quelli che si chiedono dove sia finito il senso del futuro. Lo sappiamo che è difficile, ma ci piacciono le cose così”.

Più informazioni su