Seguici su

Cerca nel sito

Rifugiati, Fdi-An: “Anzio non è in grado di accogliere nuovi disperati”

Il Partito: "Le politiche di accoglienza devono prendere in considerazione le capacità del territorio e deve essere garantita la sicurezza"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Come era facile immaginare nell’ultimo consiglio comunale nulla è stato deciso in merito alla questione dei rifugiati giunti ad Anzio. Abbiamo assistito a molti interventi tipici della scuola del perfetto buonista, all’intervento del razzista di turno, ai soliti sermoni del Sindaco Padre Luciano ed all’ipocrisia di qualche altro consigliere che, scambiando gli scranni dell’aula consiliare per un pulpito, ha pensato bene di richiamare valori cristiani ed ecumenici, che sicuramente saranno riposti in qualche cassetto nel momento in cui si dovrà discutere del bilancio e delle varie spese sostenute da questo Comune”. E’ quanto si legge in un comunicato di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Anzio.

“La questione in realtà era molto semplice – prosegue il comunicato – era necessario cercare di capire il motivo per cui una struttura non idonea ad ospitare turisti, possa essere ritenuta idonea ad ospitare profughi e le ragioni per cui la Prefettura non fosse stata informata di questa situazione”.

“Era necessario accertare i nomi ed i cognomi di coloro che gestiranno questo business. 
Era necessario contestare al Sindaco il fatto che lui sia sempre all’oscuro di tutto ed all’assessore Cafà, paladina della prima ora, le ragioni per cui dopo essere stata bellamente presa in giro dal Prefetto, il quale gli ha raccontato che non sarebbero arrivati altri profughi, non abbia più battuto ciglio”.

“Era necessario esprimere – si legge ancora – la propria contrarietà all’arrivo di nuovi profughi perché Anzio, nelle condizioni in cui attualmente si trova, non è in grado di garantire sicurezza, decoro e dignità ai propri cittadini, figuriamoci accogliere nuovi disperati”.

“Era necessario stigmatizzare l’atteggiamento del Comune di Anzio, mero osservatore di questa vicenda ed incapace di ricoprire un ruolo da interlocutore con la Prefettura e con i cittadini.
Era necessario rilevare la tensione che sta montando nei territori a causa delle  scelte della coppia Renzi-Alfano e delle scellerate politiche migratorie che creano illusioni e false speranze 
Purtroppo nulla è accaduto”.

“Noi di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale di Anzio – conclude il comunicato – continueremo a raccogliere le firme a sostegno del nostro ordine del giorno perché, in questo momento particolare della nostra storia, pensiamo che le politiche di accoglienza di una Nazione debbano necessariamente prendere in considerazione la capacità di integrazione del territorio ed essere accompagnate anche da politiche in grado di garantire sicurezza, lavoro e tutele agli italiani.
Pensiamo prima agli Italiani”.

Più informazioni su