Seguici su

Cerca nel sito

Approvato il regolamento per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprieta’

Il sindaco Lucci: "Un grande risultato per questa Amministrazione"

Più informazioni su

Il Faro on line – Nella mattinata odierna la Commissione Consiliare Permanente per il Bilancio la Programmazione il patrimonio ed il personale ha approvato, dopo accurata verifica e con ampia condivisione dei contenuti, il regolamento per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà e per la eliminazione dei vincoli convenzionali su alloggi costruiti nell’ambito dell’edilizia residenziale pubblica.

“Un grande risultato per questa Amministrazione – commenta il Sindaco Lucci – e per il quale ringrazio l’assessore Giuseppe Di Trento, il Presidente della Commissione Renato Bianchi e tutti i commissari per aver preparato e condiviso questo regolamento che darà la possibilità di trasferire, agli assegnatari degli alloggi in cooperativa edilizia, il diritto di proprietà del terreno sul quale insiste il fabbricato. Era uno dei punti del mio programma di governo e sono davvero soddisfatto del lavoro svolto. Potremo così dare una risposta a tutti coloro che si trovano in questa situazione e che ora, grazie  a tale regolamento, potranno diventare proprietari”.

Il Regolamento, oltre ad individuare i criteri per la determinazione del corrispettivo con il quale trasformare il diritto di superficie in diritto di proprietà, individua i criteri di calcolo del corrispettivo per la rimozione dei vincoli convenzionali (diritto di prelazione e prezzo imposto). Vincoli convenzionali imposti in sede di concessione del diritto di superficie. La conferma ed operatività di tale regolamento avverrà con l’approvazione dello stesso da parte del Consiglio Comunale.

Potranno richiedere la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà, i proprietari di alloggi realizzati in aree comprese nei Piani Peep, già concesse in diritto di superficie, a condizione che siano trascorsi almeno cinque anni dalla data del primo trasferimento dell’alloggio. 

Contestualmente alla suddetta trasformazione, i medesimi soggetti possono chiedere anche la rimozione dei vincoli sul prezzo di alienazione e sul canone di locazione, a condizione che i soggetti abbiano già effettuato la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà o che siano proprietari di alloggi già concessi in diritto di proprietà (a condizione che siano trascorsi almeno cinque anni dalla data del primo trasferimento).

Con la trasformazione del diritto si superficie in diritto di proprietà si diventa proprietari, in proporzione ai millesimi dell’area su cui è edificato l’immobile comprese le aree di pertinenza per cui l’alloggio potrà essere venduto con la piena disponibilità dell’area su cui insiste. Si ricorda, infatti, che il valore di un appartamento in diritto di superficie è inferiore a quello di un appartamento in piena proprietà, proprio perché dopo la scadenza della convenzione il terreno su cui è costruito ritorna nella piena disponibilità del Comune, insieme alla proprietà del fabbricato, salvo rinnovo. 

La rimozione dei vincoli del prezzo di alienazione e del canone di locazione, inoltre, permetterà di vendere o locare l’alloggio al valore corrente di mercato.

Più informazioni su