Seguici su

Cerca nel sito

Manca l’impiegata e lo sportello unico per l’edilizia resta chiuso

Il consigliere Volante: “Non capisco come possano accadere cose del genere, come il dirigente non ha provveduto alla sostituzione"

Più informazioni su

Il Faro on line – Incurante l’assessore all’urbanistica Raimondo Piselli che si attira le ire dei tecnici e dei cittadini che recatisi sul posto hanno trovato l’amara sorpresa di trovare la porta chiusa. Ancora una volta l’ufficio urbanistica unico settore trainante dell’economia rutula resta al palo. Ancora una volta il settore tecnico penalizzato dall’incapacità politica e dal disinteressa della stessa. Tanti i tecnici ed i cittadini che hanno espresso parole poco ripetibili all’indirizzo dei politici incapaci di far funzionare il settore tecnico nel caos da quando è stato trasferito in via Francesco Crispi, dopo l’incendio doloso i cui responsabili sono ancora ignoti, incendio avvenuto nella struttura di via Laurentina.

Ancora una volta i cittadini e tanti tecnici, chiedono al sindaco le dimissioni dell’attuale assessore e riconsegna della delega al suo predecessore Romolo De Paolis. Su tutte le furie il consigliere Policarpo Volante tra l’altro decano dei tecnici che uscendo dal comune e non avendo potuto protocollare ha detto: “io non capisco come possano accadere cose del genere, non capisco come un dirigente con delle referenze altolocate non seconde a nessuno non ha provveduto alla sostituzione, io come tanti colleghi, avevamo necessità di protocollare oggi”.

“Non capisco – prosegue Volante – come il sindaco e l’assessore Piselli venuto da Pomezia non hanno almeno fatto protocollare al protocollo generale, dopo quanto accaduto ieri ed oggi, ne parlerò nel prossimo consiglio comunale. Non capisco questo sindaco dice Volante, perché non prende provvedimenti”.

Volante nel suo ultimo intervento in consiglio per altri fatti che danneggiano sempre i cittadini, ebbe a dire:  “il problema nasce da una politica malata e corrotta da parte di questo comune che non doveva mai approvare l’impianto Pomar. Questo paese ha una politica strana e corrotta. Questa amministrazione dal 70 ad oggi ha prodotto molte zozzerie”. Purtroppo Ardea ormai è allo sbando, la legalità resta sempre più un optional, e non sembrano per nulla scalfire le parole di Volante.

Intanto sull’accaduto indagano carabinieri e polizia municipale chiamata dai cittadini stanchi di subire soprusi.  Va anche detto che il personale dell’ufficio urbanistica è sotto organico e spesso fa più di quanto dovrebbe, malgrado ciò succedono di questi disservizi, un solo tecnico al condono, una sola persona ai Nulla Osta paesistici, mezza per le pratiche di uso civico, (perché deve svolgere anche altre attività) uno al demanio,  due all’edilizia privata, ed una  persona  come aiutante di polizia giudiziaria per i controlli degli abusi edilizi.
Ed in tutto questo la politica è assente facendo gravare tutte le responsabilità su un solo dirigente che deve servire tre settori urbanistica, lavori pubblici ed ambiente.  

Luigi Centore 

Più informazioni su