Seguici su

Cerca nel sito

Contributi economici per le rette dei centri estivi ricreativi

Il sindaco Fucci: "La gestione virtuosa delle casse comunali degli ultimi due anni ci consente oggi di destinare 90 mila euro a servizi per per i cittadini"

Più informazioni su

Il Faro on line – Con due delibere appena approvate, il Sindaco e la Giunta hanno dato mandato al Dirigente del Settore III, Servizi alla Persona, di predisporre gli Avvisi pubblici per l’assegnazione di contributi economici integrativi per il pagamento delle rette dei centri ricreativi estivi. “Con queste delibere – spiega la vice Sindaco Elisabetta Serra – destiniamo 90 mila euro alle famiglie con bambini dai 5 ai 12 anni, ai ragazzi (dai 13 ai 18 anni) portatori di handicap e ai minori (12-16 anni) seguiti dai Servizi Sociali su incarico dell’Autorità giudiziaria”.

“Un impegno importante – prosegue la vice sindaco – che vuole, da una parte sostenere le famiglie, in particolare i genitori lavoratori che si trovano in estate a conciliare con più difficoltà i tempi lavorativi con quelli di vita, dall’altra offrire ai minori la possibilità di continuare un percorso di socializzazione e conoscenza del territorio anche oltre l’anno scolastico”.
 
“La nostra Amministrazione continua ad investire nei servizi alla persona, nel sostegno alle famiglie e nella valorizzazione dei più piccoli – aggiunge il Sindaco Fabio Fucci – I centri ricreativi estivi sono uno spazio di fondamentale importanza per bambini e ragazzi: è per questo che il Comune intende dare a tutti la possibilità di frequentarli, favorendo l’inserimento di minori con disabilità e attuando politiche di prevenzione del disagio giovanile. La gestione virtuosa delle casse comunali degli ultimi due anni ci consente oggi di destinare 90 mila euro di fondi comunali a servizi per la Città e per i cittadini”.
 
Requisiti, termini e modalità per l’assegnazione dei contributi economici saranno specificati negli Avvisi Pubblici. I contributi sono relativi al pagamento delle rette per il mese di luglio 2015.

Più informazioni su