Seguici su

Cerca nel sito

Servizio di refezione scolastica, annullata l’intera procedura di gara

L'assessore Nolfi: "E' stato dato seguito al parere dell'Anac che ha ritenuto illegittima la composizione della commissione"

Più informazioni su

Il Faro on line – “In qualità di Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione dell’Ente e viste le vicissitudini che hanno contraddistinto il servizio di refezione scolastica sento il dovere di comunicare che, in data 16 giugno 2015, il Comune di Anzio ha determinato l’annullamento dell’intera procedura di gara del servizio e di tutti gli atti successivi”. E’ quanto si legge in un comunicato dell’Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione, Laura Nolfi.

“Allo stesso tempo – prosegue la Nolfi – per garantire la continuità del fondamentale servizio, sarà indetta una nuova procedura al fine di consentire la prosecuzione del servizio in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico. La determina di annullamento è stata adottata dal Resp. del Servizio Pubblica Istruzione, dott. Aurelio Droghini, supportato dal Segretario Generale, avv. Pompeo Savarino, che hanno dato seguito al parere dell’Anac rispetto alla procedura, ritenuta illegittima, della composizione della commissione di gara per l’affidamento del servizio mensa. Colgo l’occasione per ringraziarli per il lavoro che hanno portato avanti a tutela del nostro Ente”.

“In Consiglio – si legge ancora nel comunicato – dopo essermi spesa in prima persona per l’ottimale funzionamento del servizio che comunque ha incontrato molteplici problematiche, presa visione del parere dell’Anac, mi ero politicamente espressa, nel rispetto dei ruoli, per l’annullamento della procedura e per un nuovo affidamento del delicato servizio rivolto ai bambini”.

“E’ a loro – conclude la Nolfi – per loro e per la serenità delle loro famiglie, che abbiamo il dovere etico di indirizzare la nostra azione politica ed amministrativa. Soltanto questo deve orientare le nostre scelte e soltanto su questo sono pronta a confrontarmi, con tutti, nell’esclusivo interesse delle nostre scuole e dei nostri alunni”.

Più informazioni su