Seguici su

Cerca nel sito

Metro C, Aurigemma (Fi): “Un grazie a tutti i lavoratori”

Un grazie speciale a Luigi Termano che ha perso la vita sul cantiere e che oggi nessuno ricorda 

Più informazioni su

Il Faro on line – “Con l’apertura di sei stazioni fino a Lodi della Metro C, si porta a compimento un’importante infrastruttura che la citta’ aspettava da anni. Non e’ il giorno delle polemiche per ricordare al Sindaco Marino che l’opera era gia’ in fase di completamento e che grazie al suo operato – che ha visto scioperare per la prima volta tutti i lavoratori di Metro C con ruspe sotto il Campidoglio e sborsare oltre 100 milioni di euro con la firma dell’atto attuativo, atto quest’ultimo sotto indagine da parte della Corte dei Conti – queste stazioni si sono aperte con oltre un anno di ritardo” –  lo dichiara il Capogruppo di Forza italia della regione Lazio Antonello Aurigemma.

“Oggi dobbiamo prendere esempio da chi anni fa, a prescindere dal proprio schieramento di appartenenza, ha reso possibile il finanziamento e la realizzazione di tale opera che nacque grazie all’allora Presidente del Consiglio Berlusconi, all’allora Presidente della Regione Lazio Storace e all’allora Sindaco di Roma Veltroni – prosegue Aurigemma – A loro che hanno saputo incarnare l’interesse collettivo della città, oggi dobbiamo esprimere il nostro ringraziamento insieme a tutti i lavoratori del consorzio Metro C, di Roma Metropolitane, di Atac e dell’Agenzia della Mobilità che con il loro impegno hanno reso possibile tale opera. Ed in particolare un grazie va a Luigi Termano che ha perso la vita sul cantiere e che oggi nessuno ricorda. A Marino e all’Assessore Improta, oggi lasciamo quegli effetti coreografici fatti di fumo e non di sostanza che i cittadini hanno già compreso da tempo. E presto, gli stessi cittadini sapranno come rispondere”.

Più informazioni su