Seguici su

Cerca nel sito

Sport Estate, la festa della Boxe Latina in riva al mare

Tutti sul ring di Sport Estate Amatori e piccoli aspiranti pugili 

Più informazioni su

Il Faro on line – Nella tradizionale kermesse pontina, lanciata dal compianto Gianfranco Alessadrini e per il quarto anno consecutivo targata Opes Italia, il ring allestito in Piazza dei Navigatori, in localita’ Foce Verde, si e’ rivelato un’autentica attrazione per tutti, bagnanti e non. Amanti del pugilato, semplice curiosi, chi mai aveva assistito da vicino ad un incontro, tutti si sono fermati a bordo ring. Perche’ non e’ stato difficile anche da lontano, notare due vessilli di riferimento, come Federazione Pugilistica Italiana e Boxe Latina 1956. Uno scenario suggestivo, con lo sfondo del Mar Tirreno, il Monte Circeo e l’Arcipelago Pontino, ha fatto il resto il resto.

La due giorni di pugilato, nell’ampia arena che ha ospitato le più disparate discipline legate alla stagione estiva, è stata l’occasione per avvicinare i più alla nobile arte, spiegando letteralmente cosa significa salire su un ring e soprattutto allontanare il luogo comune che il pugilato sia sport violento. Quasi a lezione di boxe, dalle origini risalenti ai  Giochi Olimpici di Atene fino ad oggi. Dimostrazioni pratiche, partendo dai fondamentali, per cui termini come combinazione, destro, sinistro, montante, gancio, diretto o jab, sono entrati subito nel vocabolario comune di grandi e piccoli.

Sabato 27 giugno è stato dedicato più che altro alle esibizioni di agonisti ed amatori della Boxe Latina, per dimostrare anche come può cambiare il ritmo e lo scambio di colpi. Sensibilizzando la gente, sempre più numerosa con il passare dei minuti, sul fatto che un amatore, non sia  un dilettante, bensì ama la boxe con la sola differenza che non combatte a livello agonistico. La passione, la dedizione e lo spirito di sacrificio sono però le stesse di un pugile professionista. E quanto a movimento di pugilato amatoriale, la Boxe Latina può vantarsi di avere un saldo gruppo, molto affiatato, che nell’occasione di Sport Estate ha risposto presente, dopo un anno intenso di allenamenti presso in Palaboxe Città di Latina in via Aspromonte.

Il secondo giorno, domenica 28 giugno, nemmeno l’improvviso rovescio temporalesco ha impedito la manifestazione. Anzi allontanatesi le nubi, il sole è tornato a splendere più forte sul ring della Boxe Latina 1956. È stata soprattutto la festa dei piccoli pugili. Tanti bambini e bambine hanno letteralmente trascinato i rispettivi genitori a bordo ring, indossando, come pugili veri, caschetto protettivo e guantoni. Il tempo di salire i tre scalini ed ecco che si sono trovati in un misto di stupore e divertimento, tra le sedici corde del quadrato, altro nome con cui viene indicato il ring. A dispensare consigli su come portare i colpi, ecco  i tecnici Domenico Prezioso, Antonio Dubla, Rocco Prezioso e Mirco Turrin, che si sono alternati nel ruolo di maestro all’angolo e arbitro del match.

Agli aspiranti pugili è stato insegnato come salutare il pubblico, come salutare l’avversario sia prima che al termine del match e soprattutto a saper accettare il verdetto. Più volte, nell’arco dei due giorni, si è richiamato il concetto di rispetto e lealtà sportiva, che su un ring si trova ancora. Sport Estate è il primo evento della stagione estiva, che scandirà altri appuntamenti in casa Boxe Latina, come tappa di avvicinamento al 2016, l’anno dei festeggiamenti per il 60esimo anniversario dalla fondazione della società pontina, che risale al 1956, con storica matricola 206. Un grande traguardo, che sin da ora va condiviso con tutti coloro, che sostengono questa società.

Più informazioni su