Seguici su

Cerca nel sito

Nuova petizione rivolta al Sindaco Marino

La richiesta è quella di nuovi posti di lavoro

Più informazioni su

Il Faro on line – Parte una nuova petizione dal titolo “Ostia riabbraccia gli schiavi” con la quale il Comitato inviterà i cittadini a chiedere al Sindaco del Comune di Roma Ignazio Marino alcuni piccoli interventi per rendere piu’accogliente e funzionale i punti d’accesso e cio’ che circonda l’area archeologica di Ostia Antica. Lo scopo è facilitare la fruizione, ai cittadini, ai pellegrini del Giubileo e agli operatori turistici di una delle più grandi città dell’Impero Romano. Lo scopo del Comitato, nato circa due anni fa, è sempre lo stesso: creare nuovi posti di lavoro attraverso il solido legame che potrebbe esserci fra  cultura e turismo. In tutto il mondo, afferma Paola Salvadori volontaria del Comitato, avviene questo e non si vede perché, anche qui da noi sul Litorale Romano, non potrebbero realizzarsi. 

Oggi però gli scavi di Ostia Antica non solo sono completamente staccati dal tessuto urbano che li circonda, ma è difficile raggiungerli per un turista che non arriva attraverso viaggi organizzati in pullman.Le proposte che facciamo al Sindaco di Roma, a parere di un altro volontario Danilo Ruggiero, sono semplici e concrete: adeguamento del cavalcavia della stazione di Ostia Antica al transito delle persone con disabilità e alle biciclette, progettare e realizzare in accordo con Fiumicino una pista ciclabile che colleghi Ostia antica ai siti dei porti Imperiali, segnaletica adeguata e info point su gli scavi a tutte le fermate del trenino di Ostia a partire da Piramide, manutenzione del verde, convenzione con settore commercio e ricettivo per acquisto on line dei biglietti d’ingresso.

Queste sono solo alcune delle richieste che chiediamo ai cittadini del X Municipio e di Fiumicino di sottoscrivere. Proposte concrete in vista del Giubileo. Date e luoghi dove i cittadini al di qua e al di là del Tevere potranno firmare la petizione saranno pubblicati sul profilo facebook del comitato.

Più informazioni su