Seguici su

Cerca nel sito

Bollette dell’acqua, Psi: “Continua l’operazione trasparenza”

Capraro: "Maggioranza e minoranza presentano insieme una mozione per avere risposte dall'amministrazione"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Continua l’operazione trasparenza inaugurata circa due settimane fa: oggi vi parlo della Societa’ Idrica Spa che gestisce la distribuzione del servizio idrico sul territorio di Ardea. Negli ultimi due anni le nostre bollette dell’acqua sono notevolmente aumentate: abbiamo pagato un aumento del 9 % nel 2014 e un ulteriore 9 % lo stiamo pagando nell’anno in corso. Da un’attenta analisi delle carte a nostra disposizione, tali incrementi non sembravano affatto giustificati, per cui la sottoscritta, insieme al resto della minoranza, ha presentato una mozione in consiglio comunale per incaricare gli uffici del Comune a far chiarezza su tutta questa brutta vicenda che gravava e continuerà a gravare sulle tasche dei cittadini” – lo dichiara in una nota la consigliera Cristina Capraro (Psi).

“La bella notizia è che per la prima volta forse, maggioranza e opposizione si trovarono d’accordo: mozione sottoscritta anche dal centro destra e approvata da tutti e undici i consiglieri presenti in quella seduta – prosegue la nota – La brutta notizia è che la mozione è rimasta lettera morta. In sostanza, secondo il documento approvato, gli uffici avrebbero dovuto dar seguito a quanto previsto dalla Delibera n. 75 del 16/10/2014, certificando formalmente la situazione dei bilanci di Idrica, a partire dal 2010 e, nel caso fossero stati accertati aumenti non giustificati, avrebbero dovuto presentare ricorso nei confronti dell’AeegsIi, l’Autority per l’Energia Elettrica, Gas e Servizio Idrico”.

“Ad oggi, dopo tre mesi circa da quella seduta, nulla è accaduto. Quello che ci chiediamo è: chi deve vigilare sull’operato degli uffici comunali? Non è forse il Sindaco il Primo responsabile dei suoi dipendenti? E i dirigenti strapagati da tutti noi che fanno?”. È stata presentata oggi dal gruppo Psi una nuova interrogazione indirizzata al Sindaco, all’Assessore all’Ambiente e al Presidente del Consiglio – conclude la nota – Si fa presente che non dare seguito alla Delibera del Consiglio, datata ormai oltre cinque mesi fa, rappresenta un reato di omissione di atti d’ufficio. Speriamo che Sindaco o assessore ci diano spiegazioni valide in merito a tutta questa storia e che non ci costringano a ricorrere ad una nuova denuncia alle autorità preposte”.

Più informazioni su