Seguici su

Cerca nel sito

Antonelli-Chiodi: “Approvata la mozione per lo stato di depurazione nel Tevere”

La mozione prevede anche la messa in sicurezza delle sponde

Più informazioni su

Il Faro on line – “Approvata la mozione per verificare lo stato di depurazione delle acque reflue sversate nel bacino del Tevere” – lo ha detto la consigliera comunale Erica Antonelli, prima firmataria del documento insieme al presidente della Commissione Ambiente Massimiliano Chiodi. “La mozione – ha dichiarato la consigliera – nasce dalla volonta’ di tutelare i nostri 24 km di costa e di preservare la vocazione turistico balneare della citta’.” 

“Qualche settimana fa – ha spiegato – alcune notizie di stampa riportavano come, in violazione della direttiva comunitaria sulle acque reflue, in alcuni quartieri di Roma l’acqua di fogna sarebbe direttamente immessa nel Tevere senza alcun trattamento di depurazione. A fronte della lettura di questi articoli e del rapporto Goletta Verde, abbiamo voluto presentare un documento per impegnare la Giunta a sollecitare il gestore del servizio idrico e tutti gli Enti in materia competenti, al fine di verificare se gli impianti di depurazione a servizio di Roma, Ostia e Fiumicino siano efficienti e sufficienti al trattamento dei reflui; diversamente, se ci sia bisogno di un potenziamento o di un ammodernamento del servizio per cui i cittadini pagano le tasse”.

“Vero è – continua la nota – che Fiumicino non ha competenza su Roma e su tutti gli altri comuni interessati ma altrettanto vero è che a pagare eventuali malfunzionamenti dei depuratori sarebbero proprio i comuni costieri, noi per primi visto che ci collochiamo alla foce”.

“Inoltre – ha aggiunto il presidente Chiodi – così come già discusso in Commissione Ambiente, riteniamo opportuno un confronto allargato a tutti gli enti preposti e Comuni laziali che si affacciano sulle sponde del Tevere per una gestione corretta e soprattutto condivisa del fiume e delle problematiche ad esso legate. Il Tevere rappresenta una grande risorsa, ma anche una lunga lista di problemi che dalla sorgente arrivano alla foce e non è pensabile che sia solo la Città di Fiumicino a doversene fare carico”.

“Esprimiamo soddisfazione – concludono i due consiglieri – per il fatto che la mozione ha già dato i suoi primi effetti, in quanto la consigliera delegata Califano si è subito attivata in ambito della Città Metropolitana per verificare lo stato degli impianti di depurazione, così come ci ha ben spiegato ieri durante la seduta del consiglio comunale”. 

La mozione prevede anche la messa in sicurezza delle sponde, per cui l’amministrazione ha già definito la mappatura dei relitti da rimuovere ed inviato un dossier dettagliato alla Regione, competente in materia.

Più informazioni su