Seguici su

Cerca nel sito

Bilancio: riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi

Le precisazioni del Vicesindaco con delega al Bilancio, Giorgio Zucchini

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi al 1 gennaio 2015, il cui termine scadeva il 15 giugno 2015, ha registrato il parere non favorevole da parte del Collegio dei Revisori dei Conti avendo gli stessi riscontrato uno scostamento sia sugli attivi che sui passivi. Quest’anno per la prima volta la legge ha previsto un accertamento straordinario e lo ha sottoposto al parere dei revisori contabili. Mi preme evidenziare che si tratta di un’attività gestionale, meramente ricognitiva dei residui esistenti e di adeguamento degli stessi al principio contabile della competenza finanziaria che ogni responsabile di centro di costo e centro di entrata è tenuto a fare” – lo dichiara il vice sindaco Zucchini.

“Sono stato rassicurato dagli uffici che con ogni probabilità – prosegue Zucchini -, dall’esame della documentazione, considerati i tempi brevissimi, non è stato tenuto conto dei fondamentali dati riportati negli allegati F e G. Sono certo che l’equivoco, a breve, sarà risolto.

Confermo che il nostro Ente è sano e non siamo in presenza nemmeno di uno dei dieci elementi che portano al dissesto, come dimostrato e certificato dal rendiconto 2014. Ad oggi, i residui passivi ad un totale complessivo di 22.880.000,00 e quelli attivi sono pari a 47.245.000,00″.

“Dopo il riaccertamento straordinario – informa il Vice Sindaco – l’avanzo d’amministrazione si è concretizzato in 16.418.000,00 di cui una parte sarà destinata a coprire i crediti di dubbia esigibilità riguardanti, in particolare, quelli relativi alla tassa dei rifiuti senza gravare ulteriormente sui cittadini. L’operazione del riaccertamento straordinario dei residui ha riguardato il periodo 2002-2014. 
Dall’operazione pulizia dei residui (che tutte le P.a. sono state tenute a fare) ne beneficeranno le future Amministrazioni che troveranno i conti in ordine, chiari ed in massima trasparenza”. 

Più informazioni su