Seguici su

Cerca nel sito

“Sulle ali della musica”: per la costruzione di una casa famiglia per disabili adulti

Il "Comitato Dopo di Noi": "Un onore rincontrare tutti e assistere ad uno spettacolo fatto apposta per tutti voi"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il Comitato Dopo di Noi, costituito nel 2009 dalle Associazioni Onlus che si occupano da tempo e con continuita’ di disabilita’ sul territorio di Anzio e Nettuno, per cercare di realizzare una struttura capace di accogliere i ragazzi/e disabili quando per ragioni anagrafiche i genitori non potranno più direttamente accudirli, organizza la IV edizione de ‘Sulle ali della musica’”. L’evento si terra’ Giovedi 23 Luglio 2015 ore 21,00 presso lo splendido Teatro all’aperto di Villa Adele, l’incasso sarà devoluto al Comitato Dopo di Noi per la costruzione di una casa famiglia per disabili adulti” – lo dichiara Laurini Marco, Presidente e Rappresentante legale del Comitato Dopo di Noi.

“Tanti – prosegue il Presidente – i personaggi che interverranno: l’Orchestra “I Mescaleros”, il Tenore Massimiliano Drapello, la giovane violinista Lucrezia Dell’Orco, accompagnata al pianoforte dal Maestro Michele Zanoni e gli artisti della Giam Academy direttamente dal Gay Village, la cantante Giulia Penna ad Alex Lai (cantante), il ballerino Alessio Pichini sui tacchi a spillo, l’esibizione canora di Irene Canino, dal palco di Sanremo 2011 Marco Menichini ed Manuel Aspidi da “Amici di Maria De Filippi” con Fernando Cozzolino. Inoltre ci saranno ospiti speciali che porteranno il loro contributo a questa nuova edizione benefica direttamente dal mondo della moda, dallo stilista Filippo Lafontana, il suo testimonial Damiano Cioci “Il più Bello d’Italia” allo stilista Omar Lattanzi con la sua uscita “No Violence”. Non mancheranno ospiti d’eccezione e sorprese”.

“A presentare questa nuova ed entusiasmante edizione – conclude il comunicato – direttamente da Mediaset sarà Emanuele Puddu, opinionista del programma Forum in onda su canale 5, già noto al territorio per aver preso parte ad iniziative di beneficenza e contro l’omofobia. L’unione di due realtà differenti, disabilità e omofobia, che hanno in comune lo stesso concetto fondamentale ossia la lotta contro i pregiudizi legati alla diversità sarà il filo conduttore di tutta la serata. Una serata da non perdere”.

Più informazioni su