Seguici su

Cerca nel sito

Approvato il bilancio 2015. Garantiti i servizi alla cittadinanza

L'assessore Mezzetti: "Il bilancio 2015 si presenta come uno dei migliori biglietti da visita di questa Amministrazione"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Nonostante un taglio al Fondo di Solidarietà di ben 1.564.708,81 euro, siamo riusciti a redigere il bilancio 2015 in pareggio, garantendo, ed anzi in molti casi aumentando, l’offerta dei servizi alla cittadinanza, senza comprometterne la qualità e, soprattutto, senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini, lasciando pressoché inalterate le tariffe vigenti”. E’ quanto si legge in un comunicato dell’assessore al bilancio Mezzetti.
 
“A tre anni dal nostro insediamento – prosegue l’Assessore – possiamo dire con orgoglio, che il bilancio 2015, sottoposto all’esame del Consiglio comunale, si presenta come uno dei migliori  biglietti da visita di questa amministrazione, sia dal punto di vista contabile che da quello dell’assoluta trasparenza. Dal punto di vista strettamente contabile è stata effettuata un’operazione di “ripulitura” di tutte quelle poste di dubbia esazione, ereditate dalle precedenti amministrazioni, per rispondere con maggiore puntualità al principio di veridicità dei dati, imposto dalla legge ma troppe volte sacrificato (mai da noi) sull’altare dell’interesse politico”. 

“Sotto il profilo della trasparenza e della pubblicità – prosegue Mezzetti – attraverso l’invio del bilancio del cittadino a tutte le famiglie, che avverrà tra qualch giorno, tutti sono messi in condizione di rendersi conto di quali sono le entrate comunali e come le stesse vengono utilizzate per i vari servizi e per gli investimenti.  Rivendichiamo con orgoglio e fermezza che, a monte di un pesante passivo ereditato dalle amministrazioni che ci hanno preceduto, il cui ammontare, al momento del nostro insediamento è stato quantificato, per difetto, in circa 6.500.000,00 di euro, oggi, attraverso piani di rientro concordati con i creditori/fornitori, abbiamo sanato tutte le situazioni pregresse ed al momento tutti i fornitori ricevono i pagamenti delle fatture emesse, a 60 giorni dalla presentazione”. 

“Oltre a ciò – continua l’Assessore – in un momento di profonda crisi economica, per adempiere ad un preciso impegno assunto con i cittadini, abbiamo applicato un’aliquota ridotta a favore di coloro che danno in comodato gratuito la seconda casa a parenti entro il primo grado. L’unica condizione posta consiste nella registrazione del contratto di comodato per evitare che ci sia un abuso ingiustificato da parte dei soliti furbetti. Qualora poi le finanze dell’Ente lo consentiranno, intendiamo azzerare l’Imu su questi immobili dati in comodato gratuito ai figli. 
Importanti stanziamenti sono stati destinati agli investimenti ( circa 8.300.000,00 euro ) che saranno ancora più sostanziosi nel 2016 e 2017, in quanto sarà possibile contrarre di nuovo mutui per la realizzazione di opere pubbliche a seguito dell’innalzamento del tetto di indebitamento previsto dalla legge di stabilità”. 

“Risanato il bilancio comunale – prosegue Mezzetti – l’imperativo che l’amministrazione Caci si pone è quello di una migliore razionalizzazione della spesa, che si tradurrà in una maggiore offerta di servizi rispetto a quelli già erogati, in una maggiore efficienza ed economicità degli stessi, e nella ricerca di soluzioni, sia nel settore sociale che in quello economico,  che venga incontro in maniera concreta alle richieste dei cittadini, così come dimostrato con l’aliquota agevolata applicata alle abitazioni date in comodato gratuito ai figli”. 

“Lo studio approfondito – si legge ancora – delle problematiche sociali e territoriali di questi tre anni di attività amministrativa, l’ascolto costante delle problematiche sollevate da una attenta e preziosa critica costruttiva da parte delle varie componenti della società civile, ci hanno consentito di indirizzare l’impiego delle risorse in maniera mirata. Mi riferisco agli investimenti per il decoro urbano, la cura del verde pubblico, la segnaletica stradale, il paese ordinato, l’asfaltatura di vie e piazze, il risveglio del senso civico e di appartenenza. In una parola la fierezza di sentirsi montaltesi”.

“A fronte di una spesa complessiva – conclude Mezzetti – di parte corrente di Euro 19.311.589,41, comprensiva del rimborso della quota capitale dei mutui, le spese di personale rappresentano il 14,77%, il 18,99% l’acquisto di beni e servizi, il 35,66%le prestazioni di servizi, il 13,27% il rimborso degli interessi e delle quote capitali dei mutui in ammortamento, il 12,56% per trasferimenti e il 4,75% per interventi”. 

Più informazioni su