Seguici su

Cerca nel sito

Finanziamenti Enel, M5S: “Alla fine tutti i nodi vengono al pettine”

Il consigliere La Rosa: "Per me ha fatto chiarezza quanto scritto nella delibera della Corte dei Conti"

Più informazioni su

Il Faro on line – “I giorni che l’attuale amministrazione comunale, e con essa tutti i Civitavecchiesi, sta vivendo sono difficili e pesanti. La ragione si può ben capire dal quel detto che dice che alla fine tutti i nodi vengono al pettine e, in questo caso, i nodi sono tanti e complessi da districare. La prassi di sostenere la spesa corrente del comune con i soldi Enel si è rivelata per quello che era: un inganno e un serio pericolo per la democrazia cittadina. Un inganno perché non era vero che si potesse sostenere la spesa corrente con dei fondi transitori. Un problema democratico perché se i soldi dell’ente energetico sono in grado di fare la differenza per la chiusura del bilancio comunale è evidente che qualunque amministrazione avrà difficoltà a tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini” – lo dichiara Emanuele La Rosa, Consigliere Comunale M5S.

“Il fatto, inoltre – continua La Rosa – che Enel finanzia pure l’osservatorio ambientale crea anche un dannoso cortocircuito tra chi dovrebbe controllare e il controllato.
Credo che da un punto di vista storico i primi danni al bilancio attuale provengano dagli Swap stipulati dalla giunta De Sio. Quest’anno gli Swap costeranno alle casse comunali 2,7 milioni di euro e il prossimo anno ne costeranno 3,5.
L’amministrazione Moscherini ha ricevuto 40 milioni di euro dall’Enel che, in teoria, sarebbero dovuti servire per le compensazioni ambientali, ma che invece hanno soltanto gonfiato la spesa corrente del comune. In seguito ha messo in gravissima crisi le aziende partecipate a causa di una sconsiderata politica di assunzioni effettuata proprio a fine mandato.
I costi di queste assunzioni, oltre ad avere causato un danno per le casse delle partecipate, hanno impedito l’ammodernamento dei beni strumentali. Quando un’azienda spende quasi il 70% delle entrate per il personale non è in grado di fare investimenti, per questa ragione oggi Città Pulita possiede solo cinque compattatori a fine vita e su sette spazzatrici ne funzionano due a singhiozzo, mentre le altre sono state cannibalizzate per prelevare i pezzi di ricambio a costo zero.
La giunta Tidei aveva l’ultima occasione per cercare di districare questa matassa, ad esempio i 19 mln di Enel avrebbero potuto dare ottime chance per la soluzione del problema HCS. Tuttavia l’amministrazione comunale ha preferito proseguire nell’errore, sostenendo la spesa corrente con i soldi Enel. Con una metafora calcistica, era alla fine del secondo tempo supplementare e aveva la possibilità di segnare il golden goal, ma ha spedito la palla in tribuna”.

“Sempre con una metafora calcistica – prosegue il Consigliere – oggi ci troviamo ai rigori, non ci è concesso più sbagliare; la delibera della Corte dei Conti chiede un piano pluriennale per la soluzione delle irregolarità gravi rilevate (Uso distorto dei fondi ENEL, Presenza di debiti fuori bilancio e debito HCS) e la presente amministrazione dovrà dare risposta entro sessanta giorni a partire dal 14 luglio. Per questo anno, facendo i conti della serva, rispetto a quello precedente il comune deve pagare in più 1,3 milioni di euro per il fondo sui residui, circa 700.000 in più per gli SWAP, circa 2,5 milioni di euro per i debiti fuori bilancio e ha subito 2,7 milioni di euro di tagli sul fondo di solidarietà da parte del governo.

In sostanza bisogna trovare più di sette milioni di euro e senza l’aiuto dei fondi ENEL, il tutto con una nuova normativa sul bilancio che impone un maggiore controllo sulla cassa comunale e, giustamente, penalizza l’iscrizione a bilancio dei crediti di difficile riscossione. Per queste ragioni l’amministrazione è intervenuta sulla leva fiscale e sta mettendo in atto ulteriori operazioni necessarie per pareggiare i conti del comune. Gli effetti di un eventuale dissesto colpirebbero i contribuenti e molti lavoratori questo va evitato a tutti i costi”.

“Ci tengo a chiarire il concetto che non ho citato il passato per continuare il gioco dello scaricabarile – conclude La Rosa -. Per me ha fatto chiarezza quanto scritto nella delibera della Corte dei Conti, chi l’ha letta ha già avuto tutte le risposte che gli servono. Piuttosto è importante capire perché oggi non possiamo proseguire ad amministrare la città nascondendo la testa nella sabbia come gli struzzi.
Oggi è importante tenere a mente che quella pratica di usare fondi straordinari per sostenere la spesa corrente non ha soltanto avuto dei risvolti negativi sul profilo ambientale, mettendo l’amministrazione comunale in una condizione di subalternità nei confronti dell’Enel, ma ha creato un pericolo per la tenuta finanziaria del comune che oggi, a fronte di un cambiamento radicale del contesto economico nazionale e internazionale, si sta abbattendo sulla città e sui suoi cittadini”.

Più informazioni su