Seguici su

Cerca nel sito

Emergenza Pontone, il Sindaco risponde al consigliere Matarazzo

Mitrano: "I cittadini hanno testa e cuore per capire e tirare le conclusioni sui vari operati"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Le critiche sterili e non costruttive, le osservazioni populistiche e le solite vecchie strumentalizzazioni ai soli fini elettorali del consigliere Matarazzo: tutto cio’ danneggia la citta’!. Di fronte alla grave emergenza Pontone, la nostra Amministrazione Comunale e’ intervenuta subito, cosi’ come previsto dalla normativa in materia di Protezione Civile che obbliga il Sindaco ad agire prontamente in caso di calamita’, a tutela dell’incolumita’ pubblica” – lo dichiara il Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano che rispedisce al mittente le accuse lanciate dal consigliere di opposizione.

“Abbiamo – prosegue la nota – operato nell’ambito di una cornice legislativa ben definita, e mi meraviglia la non conoscenza di ciò da parte del Consigliere Matarazzo, uomo di Legge. Per sollecitare i necessari lavori di messa in sicurezza del Torrente Pontone, numerosi sono stati gli accorati appelli del Sindaco di Gaeta, dal suo insediamento ad oggi alle Autorità ed organi interessati: Presidente della Regione Lazio On. Nicola Zingaretti, Assessore Infrastrutture, Politiche abitative, Ambiente On. Fabio Refrigeri, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti On. Graziano Delrio, Area Genio Civile Lazio Sud, e per conoscenza Sindaco di Formia Sandro Bartolomeo, Sindaco di Itri Giuseppe De Santis, Corpo Forestale dello Stato – Comando di Latina, Consorzio di Bonifica Sud Pontino, Prefettura di Latina, Direttore Arpa Lazio di Latina. Mai nessuna risposta”.

“Al reiterato silenzio degli Enti competenti – informa il Sindaco – in primis della Regione Lazio, che attraverso l’Assessore alle Infrastrutture, Politiche abitative, Ambiente On. Fabio Refrigeri, si era impegnata a garantire un primo intervento di 200.000 euro (mai erogato), il governo cittadino ha deciso di reagire provvedendo da sola e con fondi del Comune, ai lavori urgenti per tamponare quanto meno i punti critici del fossato, agendo in piena sintonia con la normativa vigente.Sin dal 2012, subito dopo  la terribile esondazione del Torrente Pontone, causata dai nefasti eventi meteorologici di fine ottobre inizio novembre, l’esecutivo Mitrano è intervenuto a più riprese per prevenire situazioni di pericolo per l’incolumità pubblica, rese possibili dalle cattive condizioni degli argini e del letto del Torrente Pontone”. 

“Circa 500.000 euro di fondi comunali – conclude il Sindaco – sono stati impiegati sino ad oggi dall’attuale Amministrazione per cercare di evitare il peggio. Contemporaneamente l’esecutivo non ha mai smesso di sollecitare la Regione Lazio sia per il risarcimento dei danni subiti dai cittadini sia per il finanziamento di tali lavori di massima urgenza”.

Sulle esternazioni di Matarazzo dubbi e quesiti anche dall’Assessore alle Opere Pubbliche Cristian Leccese: “Dov’era il Consigliere Matarazzo quando, rivestendo vari ruoli, anche quello di Sindaco, governava questa città? Il problema Pontone non esisteva? Perché la sua Amministrazione non ha provveduto ai necessari interventi? Perché non si è interessato presso la Regione Lazio affinché questa agisse? Da Matarazzo il solito populismo, ma i cittadini non sono sprovveduti, anzi sono molto intelligenti, e sanno quando una persona interviene solo per fini elettorali. In 30 anni di onorata carriera politico – amministrativa, nel suo prolisso sollevare problemi che non esistono, giungendo quasi al limite dello stalking politico, il consigliere Matarazzo ci può dire una sola cosa che ha fatto, promosso o attivato a beneficio della collettività gaetana?”.

Più informazioni su