Seguici su

Cerca nel sito

Il Pd locale è in crisi?

Il segretario provinciale Caratelli interviene sullo scontro tra i consiglieri comunali Pd

Più informazioni su

Il Faro on line – Dopo le accuse al limite del tradimento, di alleanza con il sindaco Di Fiori da parte dei consiglieri del Pd Rutulo, mossegli da componenti del direttivo sezionale e le risposte non meno dure da parte del capogruppo Stefano Ludovici, fatti che dimostrano come il Pd di Ardea e’ allo sbando fatti reali realmente accaduti riportati dalla stampa locale, e confermati dai fatti raccontati dagli stessi contendenti consiglieri comunali del Pd ed il direttivo. Fatti tra l’altro rimarcati anche dallo stesso segretario Moreno Caratelli, che non a caso ha rimesso le proprie dimissioni nelle mani di Rocco Mauliani segretario provinciale del partito democratico di Roma.

Una vicenda iniziata come dimostrano i fatti accaduti dopo che il gruppo consiliare ha più volte retto il numero legale alla maggioranza Di Fiori ed in due casi emblematici, due loro consiglieri Tantari e Rossi, hanno votato con la maggioranza Di Fiori permettendogli così di proseguire il loro mandato se pur, più volte ritenuto dagli stessi consiglieri lesivo per i cittadini di Ardea. Quanto scrive lo stesso segretario provinciale di fatto non da adito a cattiva interpretazione dell’incandescenza tra i consiglieri comunali Pd.

Il direttivo sezionale scrive: “A Moreno Caratelli Segretario del circolo Partito Democratico di Ardea. Oggetto: situazione politica all’interno del Partito Democratico di Ardea Caro Moreno, in relazione alla tua lettera del 10 Agosto scorso nella quale rimetti a disposizione nelle mie mani il tuo incarico di segretario di circolo ti dico che, pur apprezzando il gesto, determinato probabilmente anche dalle polemiche che sono intercorse  negli ultimi giorni fra te e il direttivo da un lato,  il capogruppo Ludovici e il gruppo consigliare dall’altro, non ravviso gli estremi perché tu debba dare le dimissioni né tantomeno ho intenzione di proporre alla Direzione Provinciale (sarebbe prerogativa esclusiva della mia funzione) di commissariare il circolo che sta ben lavorando in un contesto politico e sociale complesso, e purtroppo compromesso, qual è quello di Ardea. Invito pertanto te e il direttivo ad andare avanti con il vostro lavoro, soprattutto in relazione all’amministrazione comunale e alla battaglia che state portando avanti in modo chiaro contro questa giunta, senza lasciar spazio a nessuna illazione di consociativismi di sorta, quanto mai dannosi per il nostro partito, a maggior ragione in questo particolare contesto storico e tenuto conto della peculiarità specifica della vicenda di Ardea in particolare e del Litorale Sud della Provincia di Roma in generale”.

“Quanto alle decisioni inerenti alla futura composizione della lista per le elezioni amministrative devo però precisare che considero la discussione in tal senso prematura, anche tenuto conto del fatto che è la direzione provinciale, non il circolo, che approva le liste che a livello locale presentano il simbolo del partito. La scadenza naturale per le elezioni amministrative nel comune di Ardea è il 2017. Considerando le enormi difficoltà che l’amministrazione Di Fiori  ha avuto sino ad oggi ,per non parlare dello spaventoso immobilismo nell’azione amministrativa, è veramente singolare che la giunta sia ancora in piedi e in tal senso non posso non vivere con disagio e preoccupazione episodi insoliti che continuano a registrarsi all’interno del Consiglio Comunale e che hanno come protagonisti consiglieri eletti all’interno della compagine con la quale ci siamo presentati alle elezioni del 2012. In relazione a questo, anche considerate le critiche sempre più veementi di cui siamo di volta in volta oggetto da parte di esponenti delle altre forze politiche del centrosinistra, per non parlare  della stampa locale, trovo necessario produrre, entro e non oltre il mese di Settembre, anche a tutela del buon nome del nostro partito che non può non vivere nella correttezza dei comportamenti,  un momento di chiarimento definitivo con il partito locale e il gruppo consigliare, prima di portare la vicenda davanti alla Direzione Provinciale, laddove, è evidente, la discussione verrebbe sollevata in ultima istanza onde evitare la degenerazione irreparabile di una situazione che allo stato attuale appare già molto preoccupante.  11 Agosto 2015 Rocco Maugliani”.

Luigi Centore

Più informazioni su