Seguici su

Cerca nel sito

Raccolta Rifiuti, Psi: “È caos totale, il Sindaco deve spiegare”

Capraro: "Un sistema viziato che non ruota bene. Il Sindaco non interviene, i cittadini?....sono gli unici a pagare"

Più informazioni su

Il Faro on line – “E’ solo di pochi giorni fa la notizia relativa aidipendenti dell’Igiene Urbana, la societa’ che gestisce la raccolta rifiuti nel comune di Ardea, che sul piede di guerra a causa del mancato pagamento degli stipendi, fermano i camion lasciando il paese pieno di immondizia. Intanto l’amministrazione Di Fiori porta in Aula (e approva) una delibera in cui, nonostante facciamo la raccolta differenziata già da anni, nonostante paghiamo gia’ tantissimo senza avere di contro un servizio impeccabile che giustifichi tasse tanto salate, aumentaancora di più la Tari (tassa sui rifiuti) sostenendo che tale operazione sia necessaria, anche a fronte di più di 3 milioni dieuro accumulati nel solo 2014 da liquidare alla Igiene Urbana perservizi straordinari extra-contrattuali” – dichiara la consigliera comunale Cristina Capraro del Psi.

“D’altra parte però – prosegue Capraro – succede che l’Igiene Urbana lamenta, a più riprese e con cadenza costante, il mancato pagamento delle fatture da parte del Comune, a cui addossa di conseguenza la responsabilità dei mancati stipendi ai propri dipendenti. Infine, come se tutto questo non bastasse, seppur da verificare, voci sostengono che la società sia intenzionata a licenziare gli operai che hanno fatto lo sciopero”.

“Mi sembra evidente che qualcosa non torni – prosegue il comunicato -: Tasse al massimo, Igiene Urbana che non percepisce i dovuti compensi dal Comune, operai che scioperano a fronte del mancato stipendio, servizi extracontrattuali da pagare e cittadini furiosi di fronte al mancato servizio di raccolta e letteralmente massacrati dalle tasse”.

“Mi rivolgo al Sindaco – conclude la Capraro – passi pure che le interrogazioni formali non ricevano risposta, ma i cittadini mi sembra che meritino una spiegazione! Con tutto questo giro di milioni di euro, gli unici che pagano davvero sembrano essere cittadini e dipendenti!”.

Più informazioni su