Seguici su

Cerca nel sito

Bomba a Bangkok: un video inchioda il killer

Il Faro on line - Il giorno dopo il massacro, aBangkok è scattata la caccia all'attentatore. Obiettivo: un giovane sospetto ripreso dalle telecamere di sorveglianza mentre abbandona uno zainetto all'interno del santuario Erawan, per poi dileguarsi. Per la polizia non c'è dubbio che sia lui, ma le immagini sgranate rendono l'identificazione difficile. Il tutto mentre la capitale thailandese vive ore d'ansia, per l'orrore dell'attentato costato almeno 22 morti (tra cui almeno 12 stranieri asiatici e una britannica) e 123 feriti, ma anche a causa di un secondo ordigno scoppiato oggi sulla riva del fiume Chao Phraya, senza provocare vittime.   

Un filmato sembra inchiodare il misterioso ragazzo dalla maglietta gialla - apparentemente di pelle chiara e fattezze asiatiche - che si aggira all'interno dell'Erawan pochi minuti prima della strage. Le immagini sono eloquenti: lo zainetto lasciato per terra, il fare sospetto, cercando di non dare nell'occhio mentre esce. Ma data la scarsa qualità del video, si è scatenata una incontrollata ridda di supposizioni dove ognuno dice la sua, con molti a vedere nel volto una vaga origine mediorientale. Anche la polizia propende per l'ipotesi straniera. D'altronde, la "pancia" del Paese sembra aver emesso da subito il suo verdetto: "Un thailandese non può avere commesso un atto simile", è una frase che oggi si sente dappertutto a Bangkok.

Più informazioni su

Più informazioni su