Seguici su

Cerca nel sito

Passoscuro: demolizione degli immobili abusivi

In attesa delle concessioni edilizie in sanatoria

Più informazioni su

Il Faro on line – Sono passati 30 anni dal primo condono edilizio stabilito dalla legge 47/85, a cui hanno fatto seguito quelli del 1994 e del 2003 ma molti cittadini sono ancora in attesa della definizione della loro pratica che, in teoria, potrebbe anche essere negata e ritrovarsi con una casa da demolire perche’ non sanabile. Inoltre pare vi siano anche manufatti abusivi per i quali il condono edilizio non e’ stato mai chiesto, ne’ accatastato. Per cui il furbetto non ha mai pagata ne’ Ici, ne’ Imu, ne’ altre tasse in barba agli onesti. Difatti, per ottenere la concessione edilizia in sanatoria non basta aver fatto la domanda e versato un acconto, ma occorre presentare tutta una serie di documenti ed effettuare una serie di pagamenti, fino all’ultima spesa relativa alla marca da bollo da apporre sul documento finale.

Per definire tutte le migliaia di pratiche ancora giacenti, il Comune di Fiumicino, da una parte non ha il personale sufficiente per esaminarle tutte in breve tempo, dall’altra ha la necessità di incassare somme da destinare ad opere di urbanizzazione che sono in lista d’attesa da decenni. Inoltre ha il dovere di ripristinare  le condizioni di equità sociale, per non far torto a chi ha già versato tutto il dovuto.Per alcuni sarà una vera sorpresa vedersi chiedere il pagamento degli oneri concessori alle tariffe attuali, anche se sono relative al primo condono di 30 anni fa, quando non c’era nessun obbligo di versarli al momento della richiesta, mentre era obbligatorio versare un acconto per i due condoni  successivi.

Intanto l’Assessore all’Urbanistica Ezio Di Genesi Pagliuca, nel mese di luglio scorso annunciava che il Comune di Fiumicino ha stipulato un protocollo d’intesa con la Procura della Repubblica di Civitavecchia e altri Comuni del Lazio, sulle procedura da seguire per la demolizione degli immobili abusivi entro 11 mesi dall’ingiunzione. Significando che le demolizioni ad opera del Comune dovranno avvenire entro otto mesi dalla scadenza del termine di 90 giorni nei quali il proprietario può auto-demolire evitando maggiori spese in suo danno. La cosa ovviamente non riguarda solo Passoscuro, che pure non è esente dal fenomeno, ma riguarda tutto il Comune di Fiumicino.

Secondo l’Assessore Pagliuca, si comincerà dagli abusi commessi in zona di inedificabilità assoluta, per seguire con i manufatti più consistenti e con gli immobili non abitati ecc. Nei prossimi mesi ne sapremo di più. Intanto si provvederà al rilascio delle concessioni edilizie in sanatoria ancora mancanti? Altrimenti chi non ha ancora ritirato la sanatoria, in teoria risulta essere anch’egli un abusivo, anche se  potrebbe legittimamente ottenerla. Come finirà? Nei prossimi anni ne vedremo delle belle.

Nicola De Matteo

Più informazioni su