Seguici su

Cerca nel sito

Rifiuti: macchine mangia-rifiuti della società Formula Ambiente

Il sindaco Fucci: "Con questo tipo di raccolta si farà veramente la cultura del riciclo"

Più informazioni su

Il Faro on line – Il servizio prevede la fornitura e l’installazione di 10 macchine eco compattatrici, a cui si aggiunge l’impiego di personale e di un automezzo per la loro gestione, per un costo di 51.389,30 euro annui per 5 anni. “Si tratta di un’estensione del servizio di igiene urbana. Il costo e’ di circa lo 0,6% del totale del servizio e non incidera’ in alcun modo sulla Tari. Il costo del servizio e’ infatti totalmente coperto per il primo anno dal ribasso di gara praticato dalla societa’ stessa, e per i 4 anni successivi sara’ ammortizzato dalla vendita di plastica e alluminio di cui il Comune sara’ proprietario. Questo è un dato importante da evidenziare: con l’affidamento a Formula Ambiente il materiale raccolto sarà di proprietà comunale e quindi direttamente gestito dall’Ente” – lo dichiara il Sindaco Fabio Fucci.
 
“L’installazione delle macchine mangia-rifiuti in Città – aggiunge il Primo Cittadino – ha il chiaro obiettivo di promuovere la raccolta differenziata di plastica e alluminio premiando i cittadini virtuosi con scontrini spendibili presso gli esercizi commerciali che collaboreranno, molti dei quali hanno già espresso apprezzamento e sostegno per l’iniziativa. Lo scopo non è mai stato il risparmio, quanto piuttosto l’avvio di un processo virtuoso di gestione dei rifiuti attraverso un servizio già attivo ed efficiente in molti Comuni d’Italia, che a Pomezia andrà ad accompagnarsi alla raccolta differenziata porta a porta in tutto il territorio”.

“In tal modo non solo avviciniamo Pomezia alle Città virtuose del Nord Europa, ma puntiamo a far diventare il nostro Comune un punto di riferimento in Italia per la corretta gestione dei rifiuti”.
Voglio quindi rassicurare la cittadinanza – conclude il Sindaco – Gli eco compattatori non incideranno sulla tassa rifiuti, ma contribuiranno a mantenere pulita la Città e a riscrivere una storia di gestione dei rifiuti responsabile e partecipativa”.

Più informazioni su