Seguici su

Cerca nel sito

Russo D’Auria: “Canali di Bonifica, non ci siamo. Discariche e manutenzione sono i problemi”

Il delegato del sindaco annuncia una prossima verifica anche sul sistema delle pompe di sollevamento 

Più informazioni su

Il Faro on line – “Se i canali della zona di Isola Sacra sono preoccupanti perché invasi dalle piante infestanti, quelli del nord del territorio risultano più puliti ma abbandonati all’incuria delle discariche a cielo aperto”. La sollecitazione arriva dal delegato del sindaco per i problemi idrici, Mario Russo D’Auria, il quale – come promesso – ha effettuato sopralluoghi un po’ in tutto il territorio comunale.

“La fotografia che ne viene fuori è disarmante. Da una parte non si capisce bene – ma un’idea non è difficile farsela – per quale motivo la pulizia dei canali nell’area nord è evidentemente più curata del resto del territorio. E non è certo per fare un favore ai cittadini, che per il Consorzio contano poco sia nel nord che nel sud del territorio. La testimonianza di ciò che dico è nello scarso dialogo tra l’Ente e i residenti, le cui segnalazioni restano spesso inascoltate.

E dal fatto che gli argini, protetti – si fa per dire – con finte sbarre in ferro, posizionate senza alcun lucchetto o addirittura divelte, vengono sistematicamente utilizzati come discariche a cielo aperto, per lasciarvi frigoriferi, materiale di risulta (spesso pericoloso) e altri oggetti abbandonati. Anche in questo caso ho fatto delle foto, perché è importante che chi ha un ruolo si attivi in prima persona per dimostrare ciò che segnala, per rispetto prima di tutti ai cittadini.

E a proposito di verifiche, ne farò un’altra. Chiederò al Consorzio di poter visionare le pompe idrauliche sistemate all’Isola sacra, non solo per vedere se effettivamente sono andate a regime come promesso, ma per capire quale fine abbiano fatto le vecchie pompe di sollevamento che per tanti anni hanno servito il quartiere. Anche quelli sono soldi dei cittadini, e vanno utilizzati al meglio”.

Prosegue dunque l’opera di ricognizione e controllo del delegato per la sicurezza idraulica. Un’azione a volte poco visibile ma comunque preziosa, fatta in costante contatto direttamente con il sindaco Montino, al quale, al di là degli articoli di giornale, verrà presentata una relazione formale, che conterrà anche le stesse segnalazioni dei singoli cittadini.
Ilaria Perfetti

Più informazioni su