Seguici su

Cerca nel sito

Intitolazione Piazza in onore di Franco Califano

Denuncia con richiesta di verifiche e controlli da parte del Consigliere Luca Fanco

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il 15 settembre si e’ tenuta la riunione di giunta dove e’ stato deliberato di intitolare a Francesco Califano detto Franco uno slargo quale e’ il sito che vorrebbero intitolargli. Nella giunta diversi assessori hanno sollevato il problema del sito  tra l’altro di proprietà della Provincia di Roma, oltre al fatto che nella determina c’è scritto che va bene purchè la Prefettura dia il Nulla Osta, cosa che al momento della votazione non c’era ed ancora non c’è, come non c’è la proprietà dello slargo che viene definita piazza tra l’altro una parte ancora in terra battuta. Di minor conto che i consiglieri comunali ne hanno appreso la notizia dai giornali prima ancora che la giunta decidesse” – ha dichiarato il Consigliere Luca Fanco nella sua Denuncia con richiesta di verifiche.

Luica Fanco scrive al Sindaco del Comune di Ardea Luca Di Fiori,  Segretario comunale Marina Inches, Al Comandante della Polizia Locale Col. Giuseppe Sciaudone, Tenenza Carabinieri Ardea, Prefettura di Roma, Alla Procura della Repubblica di Velletri. Ponendo domande sull’intitolazione della Piazza in onore di Franco Califano ad Ardea con concerto e denuncia con richiesta di verifiche e controlli.

“Con la presente – scrive Fanco –  il sottoscritto Consigliere comunale di maggioranza, nonché Capogruppo della Lista Civica ‘Libertà e Legalità con Eufemi per Ardea’ a seguito di verifiche e controlli degli atti amministrativi del Comune di Ardea, denuncia quanto segue: l’intitolazione della Piazza Franco Califano ad Ardea, annunciata dal Sindaco Luca Di Fiori, prevista per Sabato 19 Settembre 2015, ore 18,30 è in spregio alle Leggi vigenti: (riportando diversi articoli di leggi e Decreti) il concerto del cantante Alberto Laurenti, annunciato dal Sindaco Luca Di Fiori per l’intitolazione della Piazza Franco Califano ad Ardea, previsto per Sabato 19 Settembre 2015,  ore 20,30 è in spregio alle Leggi vigenti:  (altro elenco di leggi e Decreti)  segnala l’inottemperanza di alcune norme di sicurezza”.

“Inoltre allo scrivente  – prosegue il consigliere – non risulta sia stato rilasciato il parere favorevole della Commissione Pubblico Spettacolo e il parere favorevole di Viabilità con l’aggravante che nel luogo prescelto, Piazza del Popolo, con numerose rotonde in Via Laurentina, a pochi metri di distanza, anche in giorni feriali e privi di manifestazioni si sono registrati numerosi incidenti e blocchi della circolazione stradale per diverse ore mettendo in repentaglio la pubblica incolumità”.

“Infine il Sindaco di Ardea Luca Di Fiori ed il Prefetto di Roma Franco Gabrielli si devono porre delle doverose domande – prosegue Fanco – e darsi delle esaustive risposte nell’intitolare una Piazza in onore di Franco Califano deceduto da meno di dieci anni, ovvero che è stato sì un personaggio importante della musica italiana, ma è stato ed è un esempio di vita per i cittadini Italiani, di Ardea e per i loro figli? Tutto il mondo è a conoscenza della vita sregolata e spericolata del noto cantante con arresti e numerosi precedenti penali, con guadagni miliardari sperperati per poi ridursi alla povertà, da tutti assimilato al mondo del sesso e della droga (cocaina)”.

“Non possiamo dimenticare – sottolinea il consigliere – che in una intervista pubblica ha classificato la nostra Nazione ‘paese di merda’ ed ancora ‘schifo di paese’ ed ha dichiarato ‘io ho numerosi precedenti penali e non sono credibile’. Si è descritto negli ultimi anni di vita ‘malato e povero’ mentre lanciava un appello in televisione affinchè lo Stato Italiano gli riconoscesse il vitalizio previsto dalla cosiddetta Legge Becchelli. Lui stesso dichiarava ai giornali di aver guadagnato miliardi e di aver speso tutto e di non possedere neanche una casa di proprietà. In un’altra intervista pubblica dichiarava ‘con le donne ci davo giù da tutte le parti, io ho fatto soffrire tantissime donne perché loro ci mettevano i sentimenti ed io no…io son fatto così'”.
 
“Si chiede, – conclude il consigliere Fanco – ognuna per le proprie competenze:
1. Alle Autorità comunali di intitolare la Piazza a nominativi legati alla Città di Ardea ed al suo territorio che sul territorio comunale e fuori da esso si siano particolarmente distinti nella massima trasparenza e legalità con valori morali cristallini che possono essere presi da esempio dai giovani, in diversi ambiti e settori di attività: culturale, sociale, civile, del volontariato e sportivo o richiamare personalità ed eventi di rilevanza nazionale e internazionale tali da rappresentare valori ampiamente condivisi e indicativi della sensibilità e dell’interesse della comunità cittadina. 2. Alle  Autorità   Giudiziarie la verifica ed il ontrollo di quanto sopra denunciato con l’adozione urgente dei provvedimenti consequenziali previsti dalle Leggi vigenti”.

Più informazioni su