Seguici su

Cerca nel sito

Sempre più incerto il futuro di Alitalia Maintenance System

Gregori e Fassina di Futuro a Sinistra: "E' stato richiesto l'intervento del governo per evitare il fallimento di Ams"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il Governo non puo’ non intervenire sulla vicenda dell’Ams, l’azienda di manutenzione e revisione motori a rischio del sistema strategico aeroportuale di Fiumicino, che e’ prossima al fallimento” – lo affermano Monica Gregori e Stefano Fassina, di Futuro a Sinistra -, che hanno parteciperanno al presidio di protesta dei lavoratori dell’azienda Ams davanti al Ministero delle Sviluppo Economico, annunciando la presentazione di un’interrogazione parlamentare ed ulteriori iniziative per un’immediato intervento del Governo.

“A seguito dell’ingresso di Ethiad nella compagine azionaria di Alitalia, lo scorso anno, il Ministero dei Trasporti si era reso parte attiva, convocando i soci dell’azienda, al fine di individuare una soluzione capace di rilanciarne prospettive industriali e lavoro. Tale soluzione, – proseguono Gregori e Fassina – che prevede l’ingresso di un investitore giordano, ad oggi non si è ancora realizzata. Infatti gli impegni assunti dal potenziale nuovo azionista, che nelle ultime settimane sono stati annunciati ma di continuo rinviati, dovevano essere confermati entro il 16 settembre e sono essenziali per la continuità aziendale, pena le decisioni che possono essere assunte dall’autorità giudiziaria”. 

“Il prossimo 22 settembre, in mancanza di un accordo, il Giudice fallimentare del Tribunale di Roma ne dichiarerà, appunto il fallimento. La chiusura di un’azienda storica e strategica come Ams – concludono gli esponenti di Futuro a Sinsitra – non toccherà solo i suoi 320 lavoratori e il suo indotto, ma l’intera capacità competitiva del nostro Paese. Si verrà a creare un vuoto di specializzazione e know-how in un settore strategico come quello della manutenzione aeronautica”.

Più informazioni su