Seguici su

Cerca nel sito

Spettacolo Teatrale Itinerante ‘Il Viaggio Dantesco’

La Soprintendenza del Lazio e dell’Etruria Meridionale ricorda Dante alla preziosissima ed affascinante Necropoli Etrusca della Banditaccia

Più informazioni su

Il faro on line – Dopo anni la preziosissima ed affascinante Necropoli Etrusca della Banditaccia a Cerveteri, sito patrimonio dell’Umanita’ dell’Unesco dal Luglio 2004, ritornera’ ad essere palcoscenico dello Spettacolo Teatrale Itinerante ‘Il Viaggio Dantesco’ per la regia e adattamento di Agostino De Angelis. L’evento, che andra’ in scena il 26 e 27 settembre alle ore 20.00, rientra nel progetto nazionale di promozione e valorizzazione 2015 ‘Luoghi, Memorie e Personaggi della Storia’ ideato dallo stesso De Angelis e promosso dal Mibact e dalla Soprintendenza del Lazio e dell’Etruria Meridionale.

Il suggestivo connubio tra arte, cultura e archeologia che da molti anni l’attore-regista promuove in tutto il territorio nazionale, potrà realizzarsi quest’anno anche tra gli antichi tumuli etruschi, grazie alla collaborazione con il funzionario responsabile dell’area dott.ssa Rita Cosentino, con la quale sono stati promossi diversi eventi di grande successo, ed il presidente del consiglio comunale di Cerveteri Salvatore Orsomando, da sempre attivo sul territorio ceretano con la sua intensa cooperazione con le associazioni ed altri enti. La location di unica bellezza si farà quindi scenografia altrettanto esclusiva in occasione dei 750 anni dalla nascita del Sommo Poeta.

Il cammino di Dante e della sua guida Virgilio percorrerà l’interno dell’area recintata, come da percorso turistico, imbattendosi nei personaggi più noti della Divina Commedia, dai dannati all’inferno, quali Caronte, Francesca da Rimini, Pier delle Vigne, Farinata degli Uberti, Ulisse, Conte Ugolino, a Manfredi, Bonconte ed altri, coloro che si trovano in ‘quel secondo regno dove l’umano spirito si purga e di salire al ciel diventa degno’. La chiusura, tra Santi e Beati del paradiso avvolgerà gli spettatori con l’incantevole inno alla Vergine. Le tre cantiche saranno interpretate da attori, mimi, danzatori, con musica dal vivo e canto. Lo spettacolo,  fortemente voluto dal Soprintendente del Lazio e dell’Etruria Meridionale Alfonsina Russo Tagliente, che da tempo e’ impegnata nella riqualificazione e promozione di tutta l’area archeologica del territorio ceretano, sarà organizzato dalle associazioni Extramoenia e ArchéoTheatron. Ingresso Libero.

Più informazioni su