Seguici su

Cerca nel sito

Chiudono i teatri D’Annunzio e Cefaro

Cozzolino: "Il Pd è l'unico a fare proposte e segnalazioni"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Chi mette sullo stesso piano l’ex maggioranza e l’ex opposizione lo fa con lo scopo preciso di livellare verso il basso il dibattito politico, noi non ci stiamo, la verita’ sta nel fatto che solo il Pd, in questi anni, ha fatto proposte per dare una nuova vita a teatri, musei e biblioteca. Parole mai ascoltate da una maggioranza sorda e incapace” – afferma con forza Alessandro Cozzolino Capogruppo del Pd Latina.

“Chi vuole mettere alla pari – prosegue Cozzolino – la maggioranza inconcludente che ha guidato questa città e l’opposizione lo fa con lo scopo preciso di giustificare Di Giorgi e l’intero centro destra ed avere, così, una banale giustificazione per non voltare pagina e non cercare il cambiamento in questa città. Dire che l’opposizione sul tema teatro è stata ferma e zitta per quattro anni vuol dire affermare una falsità e mettere sullo stesso piano due visioni di politica completamente diverse. Chi fa ciò lo fa per trovare una giustificazione alla propria volontà di non cambiare le cose”.

“Il Partito Democratico – prosegue l’esponente del Pd – è l’unico gruppo che ha sempre proposto ed evidenziato, in consiglio comunale e nelle commissioni preposte, delle strade alternative per sviluppare la cultura a Latina, tra teatro, biblioteca e musei. Sono stati innumerevoli i nostri appelli affinché il Sindaco nominasse un responsabile della cultura invece di tenersi per sé una delega fantasma. Uno dei primi appelli che facemmo alla giunta Di Giorgi è datato giugno 2012. In quell’occasione mettemmo sul tavolo delle nostre proposte per un regolamento che desse chiarezza all’utilizzo del teatro e degli spazi pubblici, che desse trasparenza alle assegnazioni e alla gestione del palazzo della cultura. In quella occasione la maggioranza rimase sorda e andò avanti per la sua strada”.

“Sempre nel 2012 – incalza Cozzolino – il Partito Democratico denunciò la scarsa manutenzione del Teatro D’Annunzio e del Cafaro, la cattiva gestione, i continui furti di materiale nei teatri e della sciatteria e superficialità con la quale venivano gestiti gli spazi della cultura. L’ultima segnalazione fatta dal Partito Democratico è quella inerente la Regione Lazio con la possibilità di avere 35mila euro per interventi edilizi e di allestimento per musei e biblioteche comunali. In questa circostanza (luglio 2014) invitammo la maggioranza in consiglio comunale a prendere al volo questa occasione. La maggioranza di centro destra, anche questa volta, si fece sfuggire questa opportunità. Ma queste sono solo poche proposte fatte e tutte relative al teatro.”

“La questione culturale  – sottoline in conclusione il Capogruppo del Pd – andrebbe allargata a musei, rapporti con associazioni, biblioteche, scuole, università e sono davvero innumerevoli sia le mozioni presentate in consiglio che gli emendamenti presentati nei vari bilanci preventivi rimasti carta straccia perché bocciati dalla maggioranza. Le nostre sono state proposte da forza di maggioranza. Di Giorgi e la sua giunta, per incapacità o per mancanza di volontà, non hanno saputo cogliere nessuna delle nostre idee. Le forze politiche a Latina non sono tutte uguali. Da una parte c’è chi ha contribuito a far chiudere i teatri e dall’altra chi, con enormi sforzi, ha continuamente fatto proposte e indicato una via d’uscita percorribile per dare una nuova vita alla cultura in città. Il programma del Pd per la città farà delle politiche culturali, giovanili, turistiche e ambientali il perno dell’azione di governo e di rilancio di Latina”.

Più informazioni su