Seguici su

Cerca nel sito

Proseguono le opere di pulizia a Roma e nel Lazio 

Legambiene: "Con Puliamo il Mondo, i cittadini hanno dimostrando che si può cambiare il volto al nostro territorio"

Più informazioni su

Il Faro on line – Una mobilitazione straordinaria con migliaia di volontari in tutto il Lazio e nella Capitale. La capitale, dopo scandali e inchieste mostra in questi giorni il suo lato migliore. Grazie a Puliamo il Mondo, i cittadini scendono in strada e, rastrello e scopa alla mano, stanno ripulendo parchi e strade da sporcizia e rifiuti. Dopo il successo delle scorse giornate, anche oggi gli attivisti di Legambiente si sono rimboccati le maniche e si sono distribuiti in lungo e largo per il Lazio e nella Capitale.

Da Garbatella dove il circolo locale di Legambiente ha ripulito l’area attorno ad uno dei peggiori esempi di scempio edilizio della capitale, un relitto d’albergo incompiuto, a Monteverde con tante iniziative del circolo Legambiente Ilaria Alpi intorno all’ospedale Forlanini e sulle scalinate del quartiere, fino a che a Frosinone e Monte San Giovanni Campano dove i circoli ‘Lamasena’ e ‘il Cigno’ hanno coordinato le pulizie in prospicienza di istituti scolastici e lungo le vie del cammino dei santi.

Ma il sabato di Puliamo il Mondo è stato anche il giorno dedicato ai Fiumi ed ecco perché, lungo le sponde del Tevere, gli attivisti hanno ripulito il Parco di Capoprati dove il Circolo Legambiente Roma Nord, da quasi 20 anni, costituisce un baluardo di legalità e dove il volontariato sta restituendo alla bellezza che merita, uno dei parchi più belli sul Tevere a Roma. “Capoprati è un luogo simbolo sia per la nostra associazione che per tutta Roma, la presenza di tutti questi volontari ci ha consentito di effettuare una pulizia straordinaria dell’area e di rendere ancora fruibile il parco a famiglie e bambini, ma c’è bisogno di una spinta da parte dell’amministrazione perché la bellezza e la biodiversità di questo luogo fantastico siano conservate. L’enorme numero di iniziative superiori a qualunque aspettativa, dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno che i cittadini, se supportati dalle istituzioni sono capaci di gesti in grado di cambiare il volto a tutto il nostro territorio” – dichiara Roberto Scacchi Presidente di Legambiente Lazio.

 Grandi lavori anche sull’Aniene, secondo fiume del Lazio, dove i circoli Legambiente Tivoli e Mondi Possibili insieme ad una straordinaria rete associativa, ha ripulito un’area dell’alta Valle dell’Aniene a Cineto Romano per il ripristino dell’antico tracciato ferroviario, primo tratto di una ciclovia straordinaria che collegherebbe tramite la capitale si Simbruini tramite il fiume. “Organizzare una giornata di Pulizia – prosegue Scacchi -intorno a questo edificio simbolo significa permettere ai cittadini di riappropriarsi di uno spazio che non deve essere abbandonato Proprio come in altre parti di Roma e del Lazio, le parole d’ordine devono essere sempre ‘restauro’ e ‘rigenerazione urbana’  perché i nostri edifici siano valorizzati senza bisogno di aggiungere un solo metro cubo di cemento alla Capitale”.

Più informazioni su